Hacker attaccano gli alberghi Marriott, rubati i dati di 500 milioni di clienti

Venerdì 30 Novembre 2018
La catena alberghiera Marriott finisce nel mirino dei pirati della rete, mettendo a rischio i dati di 500 milioni di persone in quello che potrebbe diventare uno dei più grandi attacchi hacker di sempre. Secondo quanto riferisce la società ad essere preso di mira è il database delle prenotazioni della catena Starwood Hotels, parte del colosso internazionale Marriott, coinvolgendo le informazioni di mezzo miliardo di clienti dal 2014. L'azienda ha precisato che è in corso un'inchiesta interna e i clienti colpiti verranno avvisati. E anche il procuratore generale di New York, Barbara Underwood, ha aperto un'indagine sul cyber-furto. All'origine dell'attacco c'è stata una falla nel sistema. Marriott ha spiegato che un dispositivo di sicurezza interno ha segnalato un tentativo di accesso al database Starwood, e dopo una breve indagine è emerso che «una persona non autorizzata si è appropriata di alcune informazioni».

Per 327 milioni dei 500 milioni di clienti colpiti sono finiti a rischio «dati personali come nome, cognome, indirizzo di casa e di posta elettronica, numero di telefono, numero del conto, data di nascita, giorno di arrivo e della partenza». I marchi degli hotel interessati includono W Hotels, St. Regis, Sheraton, Westin, Element, Aloft, The Luxury Collection, Le Méridien e Four Points. Oltre ad alcune multiproprietà a marchio Starwood, mentre nessuna catena del marchio Marriott è stata minacciata. E la violazione potrebbe costare al gruppo centinaia di milioni di dollari in spese legali. «Siamo profondamente dispiaciuti per l'incidente», ha commentato la società, che avrebbe scoperto gli accesi non autorizzati solo a settembre di quest'anno, annunciando di aver creato un sito per aiutare i clienti colpiti negli Stati Uniti e in altri Paesi.

L'attacco hacker è iniziato prima che Marriott presentasse l'offerta di acquisizione di Starwood per 12,2 miliardi di dollari nel novembre 2015. Accordo che è stato poi finalizzato nel settembre 2016, con cui Marriot ha creato il più grande gruppo alberghiero del mondo. Quello contro Marriott International è solo l'ultimo cyber-attacco contro una grande società: tra i più gravi ci sono il caso Yahoo, che l'anno scorso ha fatto sapere come i dati di tutti i suoi tre miliardi di account erano stati violati nel 2013. E ancora, nel 2014, 83 milioni di account di JPMorgan Chase sono stati compromessi, mentre nello stesso anno eBay ha chiesto a tutti i suoi 145 milioni di utenti attivi di cambiare le loro password come misura precauzionale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani