Uccide il figlio di 2 anni e brucia il corpo: i resti trovati nella sua borsetta

Mercoledì 13 Febbraio 2019 di Alix Amer
Uccide il figlio di 2 anni e brucia il corpo: i resti trovati nella sua borsetta
Una giovane mamma ha ucciso il suo bambino, ha smembrato il suo corpo e bruciato i resti. Poi ha raccontato agli investigatori che era stata aggredita e qualcuno aveva rapito suo figlio, Daniel, di 2 anni. La polizia del New Jersey ha accusato Nakira Griner, 24 anni, di omicidio dopo aver trovato alcune parti del corpo del piccolo nella sua borsetta e altri resti bruciati raccolti in alcuni sacchi in un capannone sotto casa della famiglia vicino a Paterson, capoluogo della Contea di Passaic. La donna è accusata di omicidio di primo grado e vilipendio di cadavere.

Da quando è scoppiato il caso sono apparse immagini sui social che la mostrano in posa in abiti succinti. «Era ossesionata dai selfie», dicono gli abitanti del quartiere sotto choc. «Una violenza inaudita, non riusciamo a darci una spiegazione». E intanto i commenti rimbalzano sul web da un social a un altro. La polizia ha dichiarato al Vineland Daily Journal che Nakira aveva inizialmente riferito di essere stata aggredita venerdì sera mentre camminava con il bambino nel passeggino e l’altro più piccolo in braccio. «Qualcuno mi ha spinto a terra e preso a calci e poi è fuggito via con Daniel», ha raccontato agli agenti. Ma  dopo averla interrogata hanno trovato incongruenze nella sua storia. A quel punto hanno perquisito la sua abitazione e trovato resti umani. Subito dopo è stata sottoposta al test della macchina della verità che è fallito. Nakira ha poi ammesso durante l’esame di aver ferito il ragazzino. Le indagini proseguono. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma