Mamma fa morire di fame la figlia di 15 mesi, poi butta il corpicino nell'immondizia

Venerdì 10 Luglio 2020 di Federica Macagnone
1
Mamma fa morire di fame la figlia di 15 mesi, poi butta il corpicino nell'immondizia

Ha aspettato con una lucidità agghiacciante che la sua bambina morisse. Poi ha preso la federa di un cuscino, ci ha infilato il cadavere della piccola e l’ha buttata nella spazzatura, come fosse un oggetto di cui ci si vuole solo sbarazzare. È una storia orrenda quella che arriva dal Maryland, Usa, dove Kiearra Tolson, 23enne di Silver Spring, ha fatto morire di fame la figlia di 15 mesi Blair Niles, lasciandola per tre settimane senza cibo.

Bimbo di 21 mesi muore annegato nella piscina di casa a Bra, in Piemonte

Malore in casa, Alessia muore a 22 anni dopo otto giorni di agonia

Per la piccola un’agonia lunghissima che si è conclusa lo scorso 17 giugno. Quando Blair Niles è morta, Kiearra si è limitata a prendere il corpo, infilarlo in una federa e poi dentro un sacco e scaricarlo nell’immondizia. Da quel momento la ragazza ha ripreso la sua vita come se nulla fosse successo. Fino a mercoledì scorso, quando un conoscente ha chiamato la polizia dopo che Kiearra le ha confessato di aver ucciso  la figlia.
 
Quando gli agenti hanno bussato alla sua porta, la ragazza non ha opposto resistenza. In centrale ha confessato l’omicidio, raccontando nei dettagli ogni piccolo passaggio del suo piano di morte.
 
Il corpo di Blair Niles non è mai stato trovato, ma la polizia ha individuato in casa una serie di indizi che confermano la versione della donna. Non è chiaro che ruolo avesse il padre della piccola nella crescita della figlia. Quando gli è stato comunicato quanto era successo, ha semplicemente detto di aver visto l’ultima volta la bimba il 17 aprire e da quel momento di non aver avuto più contatti con Kiearra. La ragazza è ora in carcere senza possibilità di uscire su cauzione: è stata accusata di omicidio di primo grado.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA