Paura per Merkel: la Cancelliera accusa un impressionante tremore durante la visita di Zelensky

Martedì 18 Giugno 2019
2
Malore oggi per Angela Merkel. La Germania si interroga sul tremore che ha colpito la Cancelliera: un tremore irrefrenabile, simile ma molto più forte a quello di un brivido di freddo, che non è riuscita a domare per interminabili minuti e che chiaramente era sintomo di un malessere immortalato dalle telecamere di tutto il mondo durante una cerimonia ufficiale.

La cancelliera aveva appena accolto, nel cortile della cancelleria di Berlino, il neo presidente ucraino Volodymyr Zelensky, alla sua prima visita in Germania dalla propria elezione. Dopo la stretta di mano, i due si dispongono davanti alle bandiere dei rispettivi Paesi per l'esecuzione degli inni nazionali. Ma improvvisamente, mentre la banda militare suona, la 65enne Merkel comincia a tremare. Appare in preda a un tremore spaventoso, tanto evidente quanto incontrollabile. Di fianco a lei, Zelensky non muove un muscolo, forse non accorgendosi della situazione.

Un'immobilità, quella dell'ospite ucraino, che fa risaltare ancora di più il tremore di frau Angela, che ondeggia con le mani, cerca di tenerle ferme congiungendole sul ventre non riuscendo a mantenere la posizione dell'attenti. Si morde le labbra, alza ed abbassa le braccia per secondi che sembrano infiniti. Poco dopo, i due entrano nel Palazzo per un incontro bilaterale. E nel piazzale ci si chiede cosa stia succedendo. Durante la conferenza stampa successiva all'incontro, però, la cancelliera appare in forma come al solito: tiene la sua dichiarazione e risponde alle domande dispensando sorrisi. I cronisti le chiedono come si senta. E lei sdrammatizza: «Ho bevuto tre bicchieri d'acqua e, come può vedere, ora sto molto bene». Resta, però il mistero: che cos'era quel tremore? © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vita spericolata di una mamma quando i figli sono in vacanza

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma