Maiorca, dai fondali emerge un tesoro di anfore romane

Giovedì 3 Ottobre 2019 di Giampiero Valenza
Riemergono dal fondale di Maiorca, in Spagna, un centinaio di anfore che circa 1.700 anni fa affondarono con una nave romana. La scoperta, dicono gli archeologi, è tutta particolare, visto che il materiale ritrovato è in eccellente stato di conservazione ed è ancora tutta chiusa con i sigilli dell'epoca. 

All'interno ci dovrebbe essere vino, olio o salsa di pesce, ma questi sospetti potranno essere confermati solo quando si avrà modo di aprirle. Infatti ora i pezzi dovranno essere dissalati per poi passare alla conservazione e al deposito nel Museu de Mallorca, il museo dell'isola. 

La barca su cui erano depositate le anfore, si legge nel giornale locale Diario di Mallorca, avrebbe trasportato tra le cinque e le sei persone.

Una tempesta potrebbe essere stata la causa dell'affondamento, anche se l'archeologa subacquea Sebastià Munar è di diverso avviso. "Non credo sia stato a causa del maltempo perché lo stato di conservazione del carico è straordinario - dice - Se fosse stato per una tempesta, le anfore sarebbero state disperse e non è così. I pezzi si trovano in una posizione verticale molto ben messi. È stato sicuramente un incidente, una brutta manovra".

Le iscrizioni sulle anfore potrebbero fornire informazioni sul loro contenuto e sullo scambio delle merci. Gli studiosi hanno trovato anche resti di fibre vegetali: sarebbero stati pezzi di rami di vite messi tra le anfore per ammortizzare e attutire i colpi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma