Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Madre di due figli uccisa e poi fatta a pezzi: ritrovata in un borsone vicino casa, orrore a New York

L'assassino avrebbe lasciato un messaggio al marito della vittima: «La tua intera famiglia sarà la prossima»

Madre di due figli uccisa e fatta a pezzi: ritrovata in un borsone vicino casa, orrore a New York
3 Minuti di Lettura
Lunedì 18 Aprile 2022, 09:18 - Ultimo aggiornamento: 19 Aprile, 09:07

Orrore a New York. Il corpo di una donna di 51 anni, madre di due figli, è stato trovato - dopo essere stato fatto a pezzi e chiuso in una grossa borsa - sabato mattina. La donna era uscita di casa venerdì sera dicendo al figlio più piccolo, 13 anni, che sarebbe andata a vedere uno spettacolo. Ma la donna non ha mai più fatto ritorno. Orsolya Gaal, così si chiamava la vittima, viveva in una casa da circa due milioni di dollari nel Queens. Al momento della morte il marito e il figlio maggiore non erano in città: erano partiti insieme per un viaggio a inizio settimana.

La nipote dello scrittore Paul Auster muore di overdose da eroina a 10 mesi: il padre accusato di omicidio

A svelare l'identità del corpo ritrovato in un borsone da Hockey abbandonato in un sentirero di un parco poco lontano dall'abitazione della donna, una scia di sangue che ha poi condotto alla casa.

 

Gli agenti della NYPD hanno fatto irruzione e trovato il ragazzo di 13 anni solo in casa. Dopo un primo interrogatorio, il giovane è stato rilasciato e giudicato estraneo ai fatti.

Secondo una prima ricostruzione, la Gaal venerdì sera sarebbe uscita con un altro uomo per poi essere fatta a pezzi nello scantinato della sua stessa casa. L'assassino, una volta uccisa la donna, si sarebbe impossessato del suo telefonino per inviare un inquietante messaggio al marito della vittima: «La tua intera famiglia sarà la prossima». Le telecamere di sorveglianza della zona hanno ripreso un uomo allontanarsi dall'abitazione trascinando un grosso borsone: quello in cui era stato rinchiuso il corpo della signora Gaal.

I RACCONTI - I vicini di casa hanno raccontato che la famiglia era «gentile e apparentemente normale». Nicola Blankson ha detto che la famiglia era in quella casa da «circa nove anni. La signora era là fuori a vivere la sua vita e ad assicurarsi che i suoi figli fossero ben accuditi come farebbe qualsiasi madre», ha spiegato agli agenti Blankson. Un'altra vicina ha garantito che la famiglia era composta di «persone davvero simpatiche. Questa mattina c'erano molti poliziotti, quindi ho capito che qualcosa era andato storto». Il vicino ha descritto Gaal come una «mamma casalinga, che passava molto tempo con i bambini»

Charlotte Angie, chi era la pornostar uccisa a Borno. Il killer ha usato il suo telefono: «In 2 mesi nessuno l'ha cercata»

Carol Maltesi, uccisa perché si voleva trasferire: per il gip non è stato un gioco erotico finito male

© RIPRODUZIONE RISERVATA