Veste la figlia di 9 anni da coniglietta di Playboy e la "vende" ai pedofili: condannata a 10 anni

Mercoledì 19 Agosto 2020 di Federica Macagnone
1
Veste la figlia di 9 anni da coniglietta di Playboy e la
Un’infanzia negata e un’adolescenza fatta di fantasmi del passato che tornano a bussare ogni notte. Per questa ragazzina australiana di 15 anni imparare a vivere cercando di dimenticare cosa le è successo sarà come rinascere una seconda volta. Lisa, nome di fantasia, veniva offerta da sua madre a pedofili che entravano nella sua stanza e abusavano di lei mentre la mamma bloccava tutti i suoi disperati tentativi di divincolarsi.  
 
La ragazzina aveva solo nove anni tra il 2014 e il 2015, gli anni in cui si sono perpetrati gli abusi. Ai giudici ha raccontato che si svegliava vestita da coniglietta di Playboy, con finte orecchie e un costume di pizzo. Ogni giorno un uomo diverso entrava nella sua stanza per abusare di lei con la complicità della madre che permetteva a quei pedofili di approfittare della sua bambina.
 
Pedofilo arrestato: atti osceni in spiaggia a Venezia, nello smartphone decine di video di bambini

Roma, sul pc aveva oltre 10mila immagini e 100 video pedopornografici, arrestato 44enne

La ragazza si è chiusa nel silenzio e solo lo psicologo è riuscito a comprendere cosa stesse nascondendo: solo dopo aver conquistato la sua fiducia è riuscito a farsi dire di essere stata toccata in maniera impropria quando era solo una bambina. Da quel momento è scattata una denuncia verso la madre e le indagini hanno portato a galla tutta la verità: la donna, oggi 41enne, è stata accusata di cinque capi di imputazione per violenza sessuale e dovrà trascorrere i prossimi 10 anni in carcere. Non potrà beneficiare della libertà condizionale fino a quando non avrà scontato l'80% della pena. In tribunale il giudice Kent ha detto alla donna: «La sua condotta ha consentito o aiutato altri a commettere atti sessuali nei confronti della denunciante. Questo è un reato estremamente grave e non sono particolarmente convinto delle prospettive di riabilitazione». Lisa è costantemente monitorata da psicologi e dottori. Ha provato già tre volte il suicidio. Per lei ricominciare a vivere sarà la sfida più grande. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento