Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Macron e il viaggio in Ucraina (a tre giorni dalle elezioni) criticato dall'opposizione: «Solo una mossa elettorale»

Marine Le Pen ritiene che Macron «si serve di questa postura da capo di guerra per tentare di influenzare il voto»

Macron e il viaggio in Ucraina (a tre giorni dalle elezioni) criticato dall'opposizione: «Solo una mossa elettorale»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 16 Giugno 2022, 13:36 - Ultimo aggiornamento: 15:43

La visita di Macron in Ucraina con Mario Draghi e Olaf Scholz non è stata accolta con grande entusiasmo in Francia. A tre giorni dai ballottaggi delle elezioni legislative francesi, previsti per domenica, l'opposizione ha scatenato veleni e polemiche accusando il presidente di averla usata come «mossa elettorale».

«La casa brucia e Emmanuel Macron guarda altrove», tuona il repubblicano Jean-François Copé, ai microfoni di radio RTL riferendosi, in particolare, all'avanzata dell'unione della gauche guidata da Jean-Luc Mélenchon. Critiche anche da parte della leader del Rassemblement National, Marine Le Pen. Intervistata da France Inter, ha detto che la missione del presidente avrebbe potuto essere fatta «una settimana fa o dieci giorni fa. Osservo che Emmanuel Macron non fa mai nulla o non dice mai nulla senza retropensieri elettorali. È un sospetto che può esistere: Macron si serve di questa postura da capo di guerra per tentare di influenzare le elezioni legislative».

A sinistra, l'eurodeputata della France Insoumise, Manon Aubry, ritiene la missione «legittima». Ma, aggiunge, «ci si può comunque interrogare sul timing». Intanto, il ministro responsabile per gli Affari europei, Clément Beaune, difende il presidente: «Ci criticano per tutto e il suo contrario». Beaune ricorda che la missione a tre da Zelensky prescinde dalle elezioni legislative francesi. «Siamo ad una settimana dal vertice europeo...», ricorda su France Info. Stessa musica da parte dell'ex premier Jean-Pierre Raffarin, che difende Macron. Il viaggio è qualcosa di «organizzato con vincoli enormi che non sono quelli elettorali ma di calendario dei diversi leader. È un viaggio ad alto rischio, che i Russi osservano certamente da molto da molto vicino».

Stasera al tg delle 20

Il presidente francese interverrà questa sera al telegionale delle 20 di TF1: è quanto annunciato dalla stessa emittente francese precisando che l'intervista verrà realizzata da Kiev. Macron è attualmente oggetto di dure critiche dell'opposizione per essersi recato in Ucraina a pochi giorni dai cruciali ballottaggi delle elezioni legislative di domenica. Per esponenti dell'opposizione come Marine Le Pen si tratta di una «manovra elettorale». In particolare, l'esponente del Rassemblement National ritiene che Macron «si serve di questa postura da capo di guerra per tentare di influenzare il voto».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA