Macron taglia l'italiano nelle scuole: petizione per fargli cambiare idea, già 7.500 firme

Lunedì 29 Aprile 2019
3
​Francia, Macron taglia l’insegnamento dell'italiano nelle scuole: polemiche

Il governo francese di Macron vuole abbandonare l’insegnamento della lingua italiana. E ha superato quota 7.500 firme la petizione sottoscritta da scrittori e intellettuali di Francia e Italia per chiedere al presidente francese Emmanuel Macron di non sacrificare l'insegnamento della lingua italiana sull'altare della nuova riforma del liceo, a pochi giorni dalla visita del presidente Sergio Mattarella in Francia per celebrare i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci.

Salvini: non aumenteremo l'Iva, dopo le europee nessuno ci chiederà 23 miliardi
Gilet Gialli, Macron: "Giù tasse, ma no a patrimoniale"

«La storia della Francia e quella dell'Italia - sottolineano i firmatari, tra cui numerose personalità del mondo accademico - sono strettamente legate da moltissimo tempo, e l'amicizia franco-italiana è il risultato non solo dei fecondi scambi economici tra i due paesi, ma anche della loro storia culturale. Se l'Italia continua ad essere il secondo partner commerciale della Francia, l'insegnamento dell' italiano in Francia è però colpito molto severamente dalla nuova riforma del liceo, che scombussola l'insegnamento di una terza lingua vivente».

Nel testo, firmato, tra l'altro, da Andrea Camilleri, Marc Lazar, Dacia Maraini, si deplora che «il numero dei posti messi a concorso conosce da un paio d'anni una caduta senza precedenti: negli ultimi due anni, all'agrégation esterna (il concorso per gli insegnanti universitari) questo numero è stato dimezzato (con soli 5 posti nel 2019), e quello del Capes esterno (il concorso per insegnare nelle scuole) è passato da 28 a 16. I posti erano ancora 35 nel 2016, 2015, 2014, e 64 nel 2013. Nessun'altra lingua vivente, nello stesso periodo, ha subito amputazioni tanto violente».

Quindi l'appello al ministro dell'Istruzione, Jean-Michel Blanquer, affinché ripristini un numero di posti tale da consolidare l'insegnamento della Lingua di Dante nelle terre di Molière. L'appello contro l'emarginazione dell' italiano è stato ripreso da numerosi giornali, tra cui Le Monde, in un intervento intitolato: «Il ministro dell'Istruzione prepara il soffocamento dell'insegnamento della lingua italiana».
 

Ultimo aggiornamento: 18:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in campo per Sara tre anni dopo la tragedia

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma