Locuste, l'allarme di Onu e Fao: rischia di morire un decimo degli abitanti di Etiopia, Kenya e Somalia

Mercoledì 12 Febbraio 2020
Locuste, l'allarme di Onu e Fao: rischia di morire un decimo degli abitanti di Etiopia, Kenya e Somalia

Emergenza locuste: oltre un decimo degli abitanti di Etiopia, Kenya e Somalia rischia di morire di fame per il dilagare degli sciami di cavallette che stanno coprendo decine di migliaia di ettari di terreno devastando le coltivazioni di cereali, ma anche di caffé e pistacchi.

Locuste, dopo l'invasione 13 milioni di africani rischiano di morire di fame
Allarme locuste dallo Yemen all'Uganda: la Somalia dichiara lo stato d'emergenza

L'allarme dell'Onu («Tredici milioni di abitanti ad alto rischio e altri 20 coinvolti dalla crisi») è confermato dalla Fao che stima il picco dell'invasione fra marzo e aprile e che cita altre nazioni interessate dall'emergenza sia pure per ora in maniera minore: Yemen, Sudan, Eritrea, Arabia Saudita e Uganda e Sud Sudan. Una situazione di assoluta gravità che richiama, secondo le organizzazioni internazionali, agli effetti del riscaldamento globale. A rischio sia i raccolti sia le scorte di cibo in paesi in cui le carenze alimentari sono da sempre di attualità.
 

Gli esperti della Fao che presidiano in particolare il Corno d'Africa seguono lo spostamento degli sciami che procede a ondate, via via che gli insetti nascono e maturano fino alla capacità di compiere grandi spostamenti spesso aiutati dal vento. In questi ultimi giorni sciami sono stati anche vicino o oltre i confini con l'Uganda e la Tanzania che l'area del Kilimanjaro, assai fertile, che presto potrebbe essere interessata.

In misura minore la presenza di locuste comincia tuttavia  a essere allarmante lungo le coste del Mar Rosso e nel nord del Pakistan

La migrazione, secondo le Nazioni Unite, ha raggiunto la dimensione di 100-200 miliardi di esemplari: è partita dallo Yemen e si è diffusa nell'Africa orientale. La crisi riguarda ora Kenya, Somalia ed Etiopia, zone in cui «ci sono 13 milioni di persone in una situazione di insicurezza alimentare acuta, di cui 10 milioni nei luoghi colpiti dalle locuste», ha spiegato il capo degli affari umanitari dell'Onu, Mark Lowcock. E 20 milioni di abitanti si trovano in condizioni di insicurezza alimentare, per cui la situazione umanitaria potrebbe deteriorarsi ancora di più. Come ha spiegato il direttore per le emergenze della Fao, Dominique Burgeon, è stato lanciato un appello alla comunità internazionale da 76 milioni di dollari, e ad ora ne sono stati ricevuti solo 21 milioni. Burgeon ha detto che si tratta di un'altra dimensione dell'emergenza climatica.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma