Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lavoro, il Quebec recluta bambini: alle elementari un bimbo su tre ha un impiego. «Non si trova manodopera»

È polemica sull'impiego dei minorenni: basta solo l’autorizzazione dei genitori

Lavoro, il Quebec recluta bambini: alle elementari un bimbo su tre ha un impiego. «Non si trova manodopera».
di Francesca Pierantozzi
5 Minuti di Lettura
Domenica 12 Giugno 2022, 00:11 - Ultimo aggiornamento: 13 Giugno, 09:46

Ici-Radio Canada, popolare radio del Quebec, ha dedicato una decina di giorni fa un lungo servizio a Amanda. Capelli biondi, occhi blu, Amanda lavora al ristorante La Grande Gueule a Saint-Alphonse-de-Granby, comune di 3mila abitanti a metà strada tra Montréal e Sherbrooke. Ha cominciato in cucina, addetta alla friggitrice, uno dei compiti più gravosi, ma se la cava bene. Il gestore del ristorante, Pascal Lamarche, è contento: «Per ora fa dei turni di sei ore, voglio testare le sue capacità, mi pare che se la cavi bene». Anche Amanda è contenta, lo stipendio la soddisfa, e anche l’ambiente di lavoro, va d’accordo con tutta la squadra. E soprattutto, non c’è stato nessun problema con la scuola. Continua ad avere buoni voti in tutte le materie, nessun calo nonostante i turni al ristorante. Perché Amanda fa la prima media, ha undici anni.

Posto fisso, perché i giovani lo rifiutano? «Idea vecchia, noi sogniamo la fluidità»

Per lavorare alla Grande Gueule ha avuto bisogno soltanto di un’autorizzazione scritta dei genitori, i quali non hanno avuto nessuna remora: «È brava, i suoi voti restano alti – ha spiegato alla radio suo padre Sylvain – se il rendimento scolastico ne dovesse risentire, allora smetterebbe di lavorare, glielo abbiamo detto chiaro e tondo». Perché in Québec il lavoro dei minorenni, anche giovanissimi, appena usciti dalle elementari, è legale. Anzi, incoraggiato.


LA LEGGE
Non esiste un’età minima per essere stipendiato. È una tradizione, giustificata dal fatto che in fondo fa bene: lavorare insegna a essere autonomi, è un apprendimento come un altro. Peccato che la situazione economica seguita alla pandemia, con manodopera scarsa, disoccupazione quasi a zero, serbatoio di forza lavoro esaurito, ha portato a un’esplosione del lavoro giovanile e anche infantile, in settori prima riservati al mondo adulto. Sono ormai il 51 per cento i minorenni con un lavoro stabile. Molti sono giovanissimi, come Amanda. Sotto i 14 anni serve solo l’autorizzazione dei genitori per essere assunti. Nel 2016 un’inchiesta dell’Istituto di statistica del Québec riportava che un bambino su tre alle elementari aveva un lavoro regolarmente remunerato durante l’anno. Una situazione unica nel mondo occidentale. «La deregolamentazione degli orari di apertura degli esercizi commerciali cominciata negli anni Novanta ha fatto esplodere la richiesta di manodopera part time» ha spiegato a Le Monde Elise Ledoux, docente di Economia del lavoro all’Università del Québec a Montréal – e i giovanissimi, finiscono la scuola all’ora di pranzo, si sono rivelati una forza lavoro ideale». Ormai i colossi del fast food non esitano a pubblicare annunci rivolti anche ai genitori in cui si assicura che un impiego da loro «favorirà la futura carriera dei figli».


GLI IMPIEGHI
Tra i posti più ambiti dai piccoli: i ristoranti, i bar, ma anche le casse dei supermercati. Se l’ingresso iper-precoce nel mondo del lavoro fa parte della storia del Québec, la svolta degli ultimi anni è stata proprio nel cambio dei settori di impiego dei giovanissimi. Prima i bambini delle elementari e delle medie guadagnavano sì tutti qualcosa, ma facendo dei “lavoretti” tradizionalmente più adatti alla loro età, come la distribuzione dei giornali o qualche baby sitting. «Quello che è cambiato – ha spiegato il sociologo canadese Charles Fleury – è che dei giovani sempre più giovani entrano nel circuito ufficiale del mercato del lavoro, occupando “veri” posti part time». Con tutto quel che ne segue, anche a livello di incidenti sul lavoro. Un’inchiesta del giornale on line La Presse – citata sempre da Le Monde – ha rivelato a fine aprile che 149 bambini di meno di 16 anni erano stati vittime nel 2020 di incidenti sul lavoro, e molti di questi non avevamo nemmeno 13 anni. La cosa non riesce più a passare come una semplice tradizione nazionale, un normale rito di formazione nella vita del cittadino del Québec. «Lo trovo davvero scioccante» ha reagito Suzanne Arpin, vice presidente della Commissione dei diritti della persona e dei giovani del Québec. La richiesta di introdurre nello Stato un’età minima per lavorare si fa sempre più insistente. Nel 2021 la Columbia britannica ha deciso che era tempo di mettere un freno al lavoro giovanile legale e ha aumentato l’età dell’ingresso nel mondo degli stipendiati da 12 a 16 anni. Una decina di giorni fa ha dato segni di cedimento anche il governo del Québec. Il ministro del Lavoro Jean Boulet ha riconosciuto che «non è molto normale veder lavorare bambini di 11 anni». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA