Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Kevin Chiappalone, il mercenario indagato: sui social armi, palestra e Casapound

Chi è il primo italiano indagato per arruolamento in Ucraina

Kevin Chiappalone, il mercenario indagato: sui social armi, palestra e Casapound
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Agosto 2022, 18:46 - Ultimo aggiornamento: 18:48

«Triste, arrabbiato ma felice», così Kevin Chiappalone descrive se stesso sulla sua pagina Facebook. Lo studente di 19 anni sarebbe partito a combattere in Ucraina con la resistenza all'inizio di maggio. Adesso è indagato dalla procura di Genova perché ritenuto un mercenario.

Kevin Chiappalone, estremista simpatizzante di Casapound va a combattere in Ucraina: indagato dalla Procura. «È un mercenario»

Gli ultimi mesi raccontati sui social

Le ultime tracce del giovane sul web risalgono all'1 agosto, quel giorno aveva pubblicato una foto su Instagram in cui viene immortalato mostrando il dito medio al fotografo, quasi certamente un altro giovane combattente nella Brigata internazionale Ucraina, il tutto mentre imbraccia una mitragliatrice leggera, indossa un elmetto e ha il volto nascosto da un paio di occhiali scuri e da un passamontagna. In un altro scatto, lo si vede intento a nascondersi in un bosco mentre osserva con il binocolo attraverso i cespugli.

 

Il 6 giugno scorso aveva pubblicato un'altra foto mentre teneva in braccio un cucciolo di pastore tedesco citando Charles M. Schulz, l'autore di Linus: «La felicità è un cucciolo caldo». Sotto il post tuttavia, a un amico che gli chiedeva come stesse ha risposto: «L'altro ieri ho perso un amico». Ancora un'altra foto, questa volta con due amici, tutti con abiti militari, a volto scoperto e sorridenti a Cracovia in Polonia, la foto è datata 29 aprile, pochi giorni prima che i volontari varcassero il confine con l'Ucraina.

Guardando i profili social del 19enne emerge la sua passione per il softair, ma anche la sua militanza in Casapound con la partecipazione a manifestazioni neofasciste non solo a Genova, oltre ai pomeriggi passati a sfogarsi in una nota palestra popolare a Cornigliano, quartiere dove abitava con la madre prima di partire in guerra.