Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Julia Skubenko, la rifugiata ucraina fuggita in Gran Bretagna: «Mi hanno chiesto di sposarmi in cambio di una stanza»

Ucraina, la denuncia della rifugiata Julia: «Mi hanno chiesto di sposarli in cambio di una stanza»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 4 Aprile 2022, 16:39 - Ultimo aggiornamento: 5 Aprile, 17:19

È scappata dalla guerra in Ucraina e ha raggiunto la Gran Bretagna, ma quando ha chiesto aiuto per trovare alloggio è stata sommersa da messaggi inopportuni di decine di uomini inglesi single che le chiedevano matrimonio in cambio di ospitalità. È la storia dalla rifugiata ucraina Julia Skubenko, 30 anni che ha denunciato quanto avvenuto su Facebook, nel gruppo dedicato all'accoglienza dei rifugiati ucraini nel Regno Unito. 

 

La storia di Julia, da Kiev al Regno Unito

Julia Skubenko, 30 anni, in Ucraina era titolare di un'impresa di pulizie, ma a seguito dell'invasione russa è fuggita dalla sua casa a Kiev. Arrivata nel Regno Unito ha pubblicato un post nel gruppo Facebook dedicato all'accoglienza gratuita di cittadini ucraini nel Regno Unito dicendo di avere bisogno di ospitalità solo per il tempo necessario "a rialzarsi in piedi". Invece di ricevere offerte utili, è stata sommersa di messaggi di uomini single che le proponevano il matrimonio in cambio di un alloggio. Quando ha detto di preferire una famiglia con una donna presente, gli è stato risposto "peccato, avremmo potuto mettere su famiglia" e tra i messaggi ricevuti, c'è stato addirittura chi ha detto di essere facoltoso e di poter offrire oltre che alloggio anche un lavoro come "assistente".

L'appello alle ragazze ucraine: «Se ricevete questi messaggi contattatemi»

Una situazione che l'ha spinta a rendere pubblica la sua esperienza. Dopo aver raccontato la sua storia a diversi giornali inglesi Julia ha scritto anche un post sullo stesso gruppo dove era avvenuto il fatto, mettendo in guardia altre giovani ragazze che come lei sono in difficoltà a causa della guerra. Nel post ringrazia chi si è reso disponibile ad aiutarla davvero, e afferma con amarezza che "purtroppo il 10% delle offerte che ho ricevuto erano inopportune". E si rivolge alle altre giovani ucraine che stanno scappando dalla guerra: "Se anche voi avete ricevuto offerte del genere- scrivetemi in privato se potete confermare con screenshot posteremo l'informazione nei media inglesi (abbiamo già pubblicato l'articolo su Daily Mail) per aiutare le nostre ragazze disperate e proteggerle da uomini in cerca di fidanzate in cambio di case".

La denuncia di Skubenko arriva dopo le lamentele della deputata Lisa Nandy del Labour, che ha accusato Michael Gove il Segretario di stato per le diuguaglianze di aver creato un "tinder per le disuguaglianze". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA