Joe Biden, l'ultima gaffe del presidente: «L'inflazione è colpa della guerra in Iraq». Poi (per giustificarsi) la "bugia" sulla morte del figlio

Il tour della Florida in vista delle elezioni dell'8 novembre è una raccolta di affermazioni bizzarre

Joe Biden, l'ultima gaffe lascia senza parole: «L'inflazione è colpa della guerra in Iraq». Poi si giustifica con una bugia sulla morte del figlio
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 2 Novembre 2022, 11:19 - Ultimo aggiornamento: 11:23

Joe Biden sta facendo il giro della Florida per sbandierare i suoi trionfi in vista del midterm dell'8 novembre. Ma martedì sera le sue affermazioni, alquanto bizzarre, hanno lasciato sgomenti gli ascoltatori. Una gaffe dopo l'altra hanno fatto fare un bello scivolone al presidente americano. Prima ha confuso il conflitto in Ucraina con quello in Iraq, poi la bugia. «E ora vorrei dire qualcosa sull’inflazione… L'inflazione è un problema mondiale in questo momento a causa di una guerra in Iraq e dell'impatto sul petrolio e di ciò che sta facendo la Russia... scusatemi, la guerra in Ucraina. Sto pensando all'Iraq perché è lì che è morto mio figlio».

Armi all'Ucraina, Roma congela il decreto. «Ma il sostegno rimane». ​Zelensky ha chiesto i sistemi contraerei. L’Italia frena: non ne abbiamo abbastanza

Joe Biden, la gaffe e poi la bugia 

Affermazione totalmente falsa che il comandante pronuncia per la seconda volta in una manciata di settimane. Joseph R. Biden III, il primogenito di Joe, meglio noto come Beau Biden, è morto all'età di 46 anni nel 2015 a causa di un cancro al cervello al Walter Reed National Military Medical Center di Bethesda, nel MarylandL’uomo è stato in Iraq vero, ma sei anni prima, nel settembre 2009, dove aveva prestato servizio come militare avvocato in una brigata della Guardia Nazionale del Delaware. Il presidente ha a lungo collegato il servizio di Beau e l'uso da parte dei militari di bruciatori alla diagnosi di cancro al cervello del figlio. «Secondo me, non posso ancora dimostrarlo, è tornato con un glioblastoma al quarto stadio. Diciotto mesi ha vissuto, sapendo che sarebbe morto», ha detto Biden nel 2019. Quindi non proprio una bugia, fatto sta che di questo ne è praticamente certo il presidente che aveva affermato la stessa cosa (che Beau è morto in Iraq) mentre parlava a Camp Hale in Colorado il mese scorso.

Giorgia Meloni, cosa farà ora? Dal G20 a Bali all'incognita Cop27 i primi impegni internazionali

Un Tour “scivoloso” per il presidente

Ma questa non è l'unica gaffe di Biden. Parlando al fianco della deputata Debbie Wasserman Schultz, che spera di essere rieletta nel 23° distretto della Florida, nella grande Miami, il presidente della Casa Bianca l'ha erroneamente definita senatrice. «Non ho un amico più grande al Senato degli Stati Uniti», ha detto. «E non avevo un amico più grande come vicepresidente, né come presidente. Allora Debbie, grazie, piccola».

Una raccolta di affermazioni bizzarre

Si passa poi a parlare di inflazione e secondo il presidente gli Stati Uniti «Abbiamo il tasso di inflazione più basso di quasi tutti i principali paesi del mondo. Abbiamo fatto molto per cercare di tenerlo sotto controllo» L a realtà numerica dice invece che l'inflazione negli Stati Uniti, misurata dall'indice dei prezzi al consumo, è attualmente all'8,2%, per i dati di settembre. Tra i paesi del G7, solo Italia e Regno Unito hanno un'inflazione peggiore secondo gli ultimi dati dell'OCSE, da agosto. Gli Stati Uniti sono all'8,26%, con l'Italia all'8,37 e il Regno Unito all'8,6%. Giappone, Francia, Canada e Germania stanno tutti sovraperformando gli Stati Uniti: in Canada l'inflazione è stata del 7,1%, mentre in Francia era del 5,91% e in Giappone solo del 3%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA