Messico, italiano 35enne ucciso al ristorante: «I killer imprecavano in italiano»

Venerdì 5 Aprile 2019
Italiano ucciso in Messico: Salvatore, 35 anni, freddato al ristorante. «Forse anche i killer erano italiani»

Un giovane italiano di 35 anni, Salvatore Stefano, è morto ieri sera in Messico, ucciso a colpi di arma da fuoco mentre cenava a Città del Messico all'interno del ristorante Bella Donna, nel quartiere di Cuauhtémoc. A renderlo noto oggi è la tv messicana Televisa. La magistratura ha aperto una inchiesta per omicidio doloso e trasferito il cadavere ad un obitorio per l'autopsia.

Uccide il fidanzato tunisino, lo fa a pezzi con la motosega e nasconde i resti a Budapest

L'uomo avrebbe opposto resistenza agli assalitori che lo hanno ripetutamente colpito prima di darsi alla fuga su una moto. All'arrivo dei soccorritori Stefano era ancora in vita, ma è deceduto mentre veniva trasferito in ospedale. Un impiegato del locale, non lontano dal centrale Paseo de la Reforma, ha dichiarato all'emittente che «durante la sparatoria si sono sentite imprecazioni e maledizioni in italiano», il che fa pensare che i suoi killer potrebbero essere connazionali. 
 

Ultimo aggiornamento: 22:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Romani pronti al rientro ma potrebbero ripensarci

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma