Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Israele, agguato dell'esercito in Cisgiordania: colpita l'auto della famiglia dell'attentatore di Tel Aviv, ferito il fratello

Israele, agguato all'auto della famiglia dell'attentatore di Tel Aviv: ferito il fratello
3 Minuti di Lettura
Domenica 10 Aprile 2022, 18:43 - Ultimo aggiornamento: 19:01

Continuano le tensioni e gli scontri armati dopo l'attentato in via Dizengoff a Tel Aviv. A Jenin, in Cisgiordania, un'unità speciale israeliana ha teso un agguato a un'automobile su cui viaggiavano il fratello di Raed Hazem, il palestinese che giovedì ha compiuto l' attentato, e la loro madre. Il primo è rimasto ferito ed è stato ricoverato mentre la donna è illesa. Il padre si è dato alla clandestinità.

Uno scontro a fuoco tra forze di Israele e militanti palestinesi ha avuto luogo durante un raid dei militari nella città di Yabad, vicino a Jenin, in Cisgiordania. A riportarlo è Haaretz: la Mezzaluna Rossa, riferisce il sito israeliano, ha reso noto che sei persone sono state ferite e curate a Yabad, una di loro è stata quindi trasferita in un ospedale di Jenin.

Ramadan, al via per più di un miliardo e mezzo di musulmani: sullo sfondo la crisi economica

Attentati a Tel Aviv, almeno cinque morti e diversi feriti. Hamas esulta, l'ombra dell'Isis

Da Jenin, scrive ancora, vengono riferiti 11 arresti ad opera delle forze armate. Il portavoce militare ne ha confermati finora otto. Secondo il portavoce delle forze di difesa israeliane, l'esercito stava perseguendo una cellula terroristica che si era infiltrata nel territorio israeliano e stava operando a Yabad, Jenin e nella Cisgiordania settentrionale.

Secondo i rapporti palestinesi, le truppe israeliane sono entrate anche nel campo profughi di Nur Shams vicino alla città di Tulkarm. L'operazione dell'esercito israeliano è la seconda condotta in meno di 48 ore a seguito dell'attentato terroristico compiuto venerdì a Tel Aviv, che ha fatto almeno 3 morti ed una decina di feriti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA