SOLEIMANI

Iran, issata la bandiera rossa a Qom. «È il segno che precede la battaglia»

Sabato 4 Gennaio 2020
Iran, dopo uccisione di Soleimani innalzata la bandiera dell'imam Hussein: «Il segno che precede la battaglia»

Qualche ora dopo l’assassinio del generale Qassem Soleimani nella Santa moschea di Jamkaran a sei chilometri a est dalla città santa di Qom in Iran é stata innalzata la bandiera dell’Imam Hussein, nipote del Profeta. La foto è stata condivisa su Facebook dall'antropologa esperta di Iran Tiziana Ciavardini. «Questo gesto simbolico - spiega l'esperta - avviene ogni volta l’Iran vuole comunicare che ci si trova davanti ad un imminente battaglia». 

Iran, il presidente Rouhani alla figlia di Soleimani: «Vendicheremo la morte di tuo padre»

Soleimani, il feretro del generale a Baghdad tra la folla: presente anche Abdul-Mahdi
 

La bandiera rossa issata sulla moschea simbolo

L’imam Hussein il piú venerato nell’Islam Sciita é il nipote del profeta Maometto, che secondo la tradizione fu ucciso e decapitato nel Settimo secolo, assieme a decine di suoi seguaci nella battaglia di Kerbala, contribuendo a creare la scissione dai sunniti, il ramo maggioritario dell'islam. «La bandiera rossa di Hussein innalzata sopra la moschea  - aggiunge Ciavardini - simboleggia la forza della battaglia come quella di Kerbala ed il colore del sangue che presto verrá versato come sacrificio e quale vendetta per la morte del Generale Qassem Soleimani ormai diventato Shahid Soleimani (martire Soleimani)».

Soleimani, ira a Teheran: «Morte all'America». L'Italia sospende l'addestramento dei militari in Iraq
Iran, venti di guerra: drone Usa uccide Soleimani, folla ai funerali. Il petrolio va ai massimi
 

Ultimo aggiornamento: 5 Gennaio, 12:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA