Veronika Loginova, influencer russa di 18 anni rischia sei anni di carcere per aver usato Instagram

"Cosa faccio ora? Abbandono Instagram? Fuggo dalla Russia? Li cito in giudizio?"

Veronika Loginova (foto da youtube)
di Valentina Venturi
4 Minuti di Lettura
Sabato 24 Settembre 2022, 17:09

Veronika Loginova, influencer di 18 anni, rischia sei anni di carcere per "attività estremista" messa in atto tramite il suo account: la sua colpa è di aver utilizzato Instagram nella Russia di Putin

Putin isolato: anche il "viceré" del Donbass contrario al referendum. E il sindaco di Mosca fa togliere le "Z" dalla città

Veronika Loginova, perché rischia il carcere

Veronika Loginova ha 555k di follower e rischia una pena detentiva, sebbene non pubblichi contenuti né si occupi di politica. È stata accusata dall'ufficio del procuratore interdistrettuale di Kuntsevskaya di «estremismo» per aver «eseguito azioni per attirare utenti sui social network Facebook e Instagram». Riporta la notizia il sito del DailyMail, secondo cui la decisione è la conseguenza di marzo scorso, quando un tribunale russo ha deciso di bandire Facebook e Instagram ree di "svolgere attività estremiste". In Russia sono stati represse alcune manifestazioni e censurare delle testate giornalistiche dopo l'invasione dell'Ucraina alla fine di febbraio.

Influencer pro Putin minimizzano la mobilitazione e paragonano i riservisti alle caramelle: «Siete solo l'1%»

«Non ho mai toccato la politica»

Due pubblici ministeri hanno chiamato a casa di Loginova, sostenendo che avendo un seguito di oltre 1,1 milioni su Instagram e YouTube significa che si vuole "mette in mostra ". Loginova ha quindi pubblicato un post su Instagram in lacrime, in cui ha precisato: «Ogni giorno i pubblici ministeri possono venire a casa tua. Non ho mai toccato la politica e ora devo scontare sei anni di carcere... Per aver usato Instagram. Buongiorno, benvenuta in Russia. E anche se non mi occupo di queste cose, io parlerò comunque».

 

 La 18enne ha utilizzato il suo account Instagram anche per mettere in discussione le ipotesi di colpevolezza: «Davvero? io? Una fashion blogger di 18 anni? Sono un'imprenditrice, ho creato un mio marchio di abbigliamento e pago le tasse nel mio Paese. Sono una persona che scrive post sul supporto per la salute mentale e non ho mai toccato un'agenda politica sul suo blog. Ecco qua. Vivi, fai belle foto, costruisci un business, aiuti le persone, non tocchi nessuno. Ma vivi in ​​Russia e ha un milione di follower. Cosa faccio ora? Abbandono Instagram? Fuggo dalla Russia? Li cito in giudizio?».

Rossgram, l'alternativa a Instagram

Loginova ha aperto i suoi account quando aveva solo 15 anni e da allora ha costruito i suoi follower sono aumentati. Sui social giura di non essere turbata dalla minaccia del carcere: «Vado fino in fondo - ha pubblicato su Instagram - Per fortuna vengo supportata da persone che capiscono che questo non è normale. Voglio che più persone possibile sappiano di questa storia: chiedo a tutti coloro che hanno una voce, a tutti coloro che hanno anche un solo follower, di condividerla e di dire che NON è normale». Intanto per arginare l'uso di Instagram in Russia è stato creato un equivalente dell'app ma chiamata "Rossgram", cionostante IG è ancora molto popolare tra le élite russe ed è accessibile tramite una VPN. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA