Incendi, in Siberia il più grande del mondo: equivale a tutti quelli del resto della Terra

Incendi, in Siberia il più grande del mondo: equivale a tutti quelli del resto della Terra
di Mario Landi
4 Minuti di Lettura
Giovedì 12 Agosto 2021, 14:50 - Ultimo aggiornamento: 13 Agosto, 12:01

La Siberia brucia. Come il resto del mondo, certo, in questa torrida estate 2021. Ma la Siberia, e in particolare la Jacuzia, in un certo senso brucia di più. Perché sono settimane che gli incendi devastano la taiga, con una ferocia senza precedenti. Il fumo, acre, si sparge per migliaia di chilometri e la settimana passata, per la prima volta nella storia, ha raggiunto persino il Polo Nord. Non è l'unico record. Stando a Greenpeace Russia i roghi qui, per estensione, superano tutti gli altri incendi del mondo messi insieme. E c'è un singolo 'frontè di ben 1,5 milioni di ettari che ormai è a un passo dal diventare il più grande incendio nella storia documentata del pianeta.

 

Incendi in Sardegna: vigili del fuoco al lavoro di notte a Mandas

 

 

 

Incendi Sicilia, Canadair in azione nel Ragusano

 

Siberia, fiamme impossibili da contenere

L'apocalisse che sta vivendo la Jacuzia rappresenta un perfetto esempio di danni da cambiamento climatico sommati all'incuria dell'uomo. L'aumento di tre gradi centigradi dell'inizio del XX secolo, combinato alla siccità record in 150 anni e a venti forti, ha trasformato la sua vasta foresta di taiga in una polveriera. Per l'esperta di Greenpeace Yulia Davydova c'è poi la malapratica del disboscamento, legale e non, ad aver aggravato la situazione. Inoltre le autorità regionali non sono tenute a spegnere gli incendi nelle cosiddette «zone di controllo», ovvero aree lontane dagli insediamenti umani. Una combinazione di fattori che ha creato la tempesta perfetta.

 

«Qui è un 48!». La vita (impossibile) in Sicilia fra mascherine, fiamme e melanzane che si friggono da sole

 

Vladimir Putin ha recentemente ordinato il rafforzamento del contingente che sta lottando contro le fiamme. Ma Alexey Yaroshenko ha confidato al Moscow Times che ormai è tardi. «Ô impossibile contenere il fuoco attraverso gli sforzi umani: i vigili del fuoco dovrebbero spegnere le fiamme su una linea lunga 2.000 chilometri». Tocca sperare nella pioggia. Che non c'è. E se va avanti così, con altri 400mila ettari in fiamme il grande incendio della Jacuzia si prenderà il tetro record di cui sopra.

 

Video

 

Ma, come appunto ha vaticinato il rapporto Onu sul clima, finire nel guinness dei primati sarà sempre più la norma. In due settimane in Grecia sono andati a fuoco oltre 100mila ettari di foreste e terreni agricoli: peggio degli incendi mortali del 2007 che devastarono diverse regioni del Paese. Più di un centinaio di incendi sono divampati poi in 17 province dell'Algeria, causando la morte di almeno 69 civili, soldati e vigili del fuoco. Anche l'Italia, purtroppo, è alle prese con il fuoco, proprio mentre impazza Lucifero con le sue temperature infernali. In Russia, mentre la terra del permafrost brucia, c'è spazio persino per inusuali critiche ai ministri. Il deputato (di origini jacute) Fedot Tumusov ha attaccato il ministro delle Risorse naturali e dell'Ambiente Alexander Kozlov per la mancanza di moderne tecnologie antincendio. «Stiamo lottando contro incendi da un milioni di ettari con le pale», ha commentato amaro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA