IgNobel 2021, i premi della 'scienza bizzarra' vinti anche da due team italiani per la cinetica dei pedoni

IgNobel 2021, i premi della 'scienza bizzarra' vinti anche da due team italiani per la cinetica dei pedoni
4 Minuti di Lettura
Venerdì 10 Settembre 2021, 20:34

Le scoperte scientifiche più particolari, non convenzionali e sorprendenti sono state premiate ieri in occasione dell'edizione online degli IgNobel 2021. Anche all'Italia conferiti due riconoscimenti nel campo della fisica e cinetica. Oggetto degli studi la risposta matematica e scientifica che spiega come fanno i pedoni a non scontrarsi gli uni con gli altri.

Le onorificenze, assegnate ogni anno dall’Annals of Improbable Research, in anticipo di circa un mese rispetto ai premi Nobel non si sono potute svolgere quest'anno, come di consueto, a causa della pandemia Covid, nel Sanders Theatre della Harvard University.

Nello show condotto da Marc Abrahams, editor della rivista e mattatore dell’evento è stat premiata, tra gli altri la svedese Susanne Schötz autrice di diversi studi sul modo di comunicare felino e dell’interpretazione da parte umana. Ovvero «per avere analizzato variazioni nel modo di fare le fusa, cinguettare, chiacchierare, canticchiare, trillare, mormorare, miagolare, brontolare, squittire, sibilare, ululare, gemere, ringhiare e altri modi di comunicazione uomo-gatto».

Energia, l'italiana Newcleo avvia a Londra progetto per nucleare sicuro

La scoperta legata alle gomme da masticare

Un nutrito gruppo di ricercatori, composto da Leila Satari, Alba Guillén, Àngela Vidal-Verdú, e Manuel Porcar hanno vinto il premio per alcune particolari analisi condotte sulle gomme da masticare: «Per avere utilizzato le analisi genetiche per identificare le differenti specie di batteri che si trovano nei mucchi di gomme da masticare appiccicate ai marciapiedi di diversi paesi», questa la dicitura ufficiale che ha accompagnato la consegna virtuale del premio.

Capire quali batteri ci siano all’inizio, e come si evolvano una volta che le gomme vengono sputate a terra, potrebbe essere utile infatti in ambito forense o negli studi per il controllo di alcune specifiche patologie. I risultati dello studio potrebbero anche essere usati per mettere a punto strategie di bonifica ambientale per liberarsi delle gomme stesse.

Scoperto gigantesco dinosauro carnivoro: Ulugh più antico e micidiale del T-Rex, aveva i denti da squalo

I premi più interessanti per chimica, economia e medicina

Come nei nobel tradizionali sono stati premiati alcuni scienziati o scopritori rispettando la suddivisione di ambiti del premio voluta dall'inventore della dinamite. Per la chimica sono stati premiati Jörg Wicker, Nicolas Krauter, Bettina Derstroff, Christof Stönner, Efstratios Bourtsoukidis, Achim Edtbauer, Jochen Wulf, Thomas Klüpfel, Stefan Kramer e Jonathan Williams per avere «analizzato chimicamente l’aria all’interno delle sale cinematografiche, per capire se gli odori prodotti dal pubblico possono segnalare in maniera affidabile i livelli di violenza, contenuti sessuali espliciti, comportamento antisociale, uso di droghe e linguaggio volgare nel film proiettato». Secondo gli studiosi le emozioni lascerebbero segno anche a livello di sostanze volatili emesse dalle persone.

Mentre per la sezione economica è stato premiato Pavlo Blavatskyy, per «aver scoperto che l’obesità dei politici di un paese può essere un buon indicatore della corruzione locale». Ci sarebbe quindi una correlazione tra indice di massa corporea (stimato dalle foto di alcuni ministri di stati post-sovietici) e il livello di corruzione. Così è stato scritto anche sulla rivista Economic of Transition and Institutional Change dal ricercatore.

Spazio, caccia a esopianeti e tracce di vita aliena nel cosmo: «Dieci anni per trovare "Et"»

Infine in campo medico sono stati premiati Olcay Cem Bulut, Dare Oladokun, Burkard Lippert, e Ralph Hohenberger che si sono chiesti se il sesso possa migliorare la funzione il senso dell'olfatto e la respirazione: «Un rapporto sessuale con climax può migliorare la respirazione nasale nella stessa misura dell’applicazione di un decongestionante nasale per un massimo di 60 minuti in pazienti con ostruzione nasale». Questa la motivazione ufficiale per la consegna del premio al gruppo di scienziati.

 

Infine l'IgNobel per la Pace e i premi italiani

Ethan Beseris, Steven Naleway, e David Carrier vincono per gli Stati Uniti nella sezione pace «per aver testato l’ipotesi che gli esseri umani abbiano iniziato a farsi crescere la barba per proteggersi dai pugni in faccia». Secondo gli studiosi la barba potrebbe proteggere zone vulnerabili.

Le sezioni fisica e cinetica sono state vinte dagli italiani. In un caso, quello della fisica, Alessandro Corbetta, Jasper Meeusen, Chung-min Lee, Roberto Benzi e Federico Toschi hanno vinto per aver «condotto esperimenti per capire perché i pedoni non si scontrano costantemente con altri pedoni». Mentre nel caso della cinetica, il team italiano di Hisashi Murakami, Claudio Feliciani, Yuta Nishiyama, e Katsuhiro Nishinari ha vinto per «aver condotto esperimenti per capire perché i pedoni a volte si scontrano con altri pedoni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA