Spari alla festa a Ibiza, si costituisce l'italiano in fuga: si segue la pista della gelosia

Ibiza, l'italiano Michele Guadagno si è consegnato alla polizia: avrebbe sparato a un amico durante un party
3 Minuti di Lettura
Domenica 6 Giugno 2021, 13:47 - Ultimo aggiornamento: 7 Giugno, 16:14

È durata circa 30 ore la fuga dell'italiano ricercato a Ibiza come presunto autore degli spari che hanno ferito gravemente un connazionale 28enne ad una festa, nella notte tra venerdì e sabato: l'uomo si è consegnato sull'isola alla Guardia Civil spagnola. Nell'episodio per cui aveva le forze dell'ordine alle calcagna è rimasto coinvolto anche un altro italiano, un 35enne che ha subito lievi contusioni. I tre coinvolti risiedono a Ibiza. Secondo la prima ricostruzione degli inquirenti spagnoli, l'assalitore è arrivato in auto — accompagnato da almeno un'altra persona — sul luogo in cui si trovava la sua vittima una villa presa in affitto nel municipio di Santa Eulalia, e ha sparato almeno sei colpi. 

Ibiza, spara e ferisce amico durante un party

Ibiza spari tra italiani a una festa: giovane grave, un altro è in fuga. «Lite per gelosia»

Accusa di tentato omicidio

Un referto medico diffuso successivamente indica che il ragazzo aggredito ha ricevuto tre pallottole alla testa e tre alle gambe. Sono state necessarie circa sei ore d'intervento d'urgenza per stabilizzare le sue condizioni, comunque ancora gravi, secondo le ultime informazioni disponibili. Per Michele Guadagno — come confermato dalla Guardia Civil, è questa l'identità del sospettato — l'accusa ora è di tentato omicidio, affermano i media locali. L'uomo, di origini campane, è stato arrestato una volta costituitosi. L'ipotesi principale degli investigatori è che il movente dell'aggressione sia stato una lite per gelosia. 

 

Due casi a Ibiza - Tuttavia, non sono ancora state scartate altre linee investigative. Dalle indagini trapela che Antonio Amore, il giovane aggredito (anche lui campano), era l'organizzatore della festa. Diversi media riportano che il nome di Guadagno non è del tutto nuovo per le forze dell' ordine. Il dispiegamento di uomini e mezzi messi in campo per catturarlo è stato «ampio», ha spiegato la Guardia Civil: i responsabili dell'indagine erano convinti che il suo arresto sarebbe stato solo una «questione di tempo». Intanto, sono ancora in corso le indagini su un altro caso che ha scosso Ibiza negli ultimi giorni: la morte di Elena L.G., 21enne italo-spagnola, e del suo fidanzato, un 26enne di origini marocchine, trovati morti nella notte tra mercoledì e giovedì dopo essere precipitati da un balcone di un hotel. La Polizia Nazionale spagnola conferma che la principale ipotesi resta quella del femminicidio-suicidio. I due, a Ibiza in vacanza, vivevano a Barcellona. Il governo spagnolo al momento non ha confermato ufficialmente che si tratti di una vittima di femminicidio.

Lecco, donna colpita in testa dal compagno con una spranga di ferro davanti la figlia: ferita, è grave

© RIPRODUZIONE RISERVATA