I medici staccano la spina al paziente sbagliato: ingannati da una omonimia

Martedì 29 Gennaio 2019 di Alix Amer
I medici staccano la spina al paziente sbagliato: ingannati da una omonimia

Un ospedale di New York è stato citato in giudizio per aver staccato la spina al paziente sbagliato. Il fatto è avvenuto alcuni mesi fa dopo aver chiesto il permesso alla sorella di una persona con lo stesso nome. Freddy Clarence Williams, 40 anni, è morto al St. Barnabas Hospital di Brooklyn dopo che Shirell Williams ha acconsentito a far staccare il supporto vitale perché era morto cerebralmente. Shirell era stata chiamata in ospedale due settimane prima, perché Williams era stato ricoverato per overdose, con gravi danni al cervello. I medici avevano trovato il portafogli in una tasca dei pantaloni e cercato il suo numero di previdenza sociale.

Hanno pensato che fosse il fratello di Shirell, Frederick Williams, e l'hanno fatta correre al suo capezzale. Era lì, immobile in un letto, senza dare un minimo segno di vita. I medici hanno sentenziato "morte cerebrale", e chiesto l'autorizzazione a staccare la spina. A quel punto con il dolore nel cuore, ha detto si. E così è stato. Il giorno stabilito sono arrivati tutti i parenti e le figlie del paziente per dargli l'ultimo saluto. Passano alcune settimane e arriva una telefonata dall'ufficio del medico legale che dopo aver eseguito l'autopsia ha notato qualcosa di grave. In quel preciso momento scopre che l'uomo appena morto (Freddy Clarence Williams), a cui lei aveva acconsentito di staccare la spina, non era suo fratello (Frederick Williams). Un caso di omonimia che è costata cara al 40enne.

"Ma allora che fine ha fatto Frederick?", ha chiesto la donna sconvolta. "Eravamo convinti che fosse lui - ha spiegato - era pieno di tubi, la faccia gonfia ma sembrava lui, i medici mi hanno detto che era lui". Suo fratello, invece, in quei giorni era in prigione, vivo e vegeto. Ed è ancora detenuto sull'isola di Rikers. Ora, Shirell sta facendo causa all'ospedale per quello che hanno vissuto lei e la sua famiglia "per giorni abbiamo pianto Frederik, anche se la gioia di saperlo vivo è immensa. Ma sono cose che non possono capitare". Non sa se alla famiglia di Frederick Clarence Williams è stato detto che non è più vivo. "Ho dato il consenso a staccare la spina e ho un gran senso di colpa, ma avevano detto che era mio fratello e che non c'era più nulla da fare", ha sottolineato Shirell ai quotidiani locali. L'ospedale ha avviato una inchiesta interna ma non ha rilasciato commenti. 

Ultimo aggiornamento: 19:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA