SMART WORKING

«Venite alle Hawaii per fare smart working, il volo è gratis»: ecco come candidarsi

Martedì 8 Dicembre 2020
«Venite alle Hawaii per fare smart working, il volo è gratis»: ecco come candidarsi

Esiste qualcosa di più ambito delle spiagge delle Hawaii per superare l'inverno mentre nel mondo c'è una pandemia globale? Probabilmente no. Per questo le autorità del 50esimo Stato americano hanno lanciato un'iniziativa interessante per attirare non turisti ma membri della comunità, un programma di residenza temporanea chiamato 'Movers and Shakas' in collaborazione con scuole e imprese.

Maldive, la formula anti Covid: «Paghi e stai quanto vuoi». Esauriti i primi voli del 2021

 

Il programma prevede biglietti gratis di andata e ritorno per Oahu ai lavoratori in smart working che vogliono vivere e lavorare nell'isola, contribuendo alla sua economia, in assenza (o carenza) di turisti. Il programma accetterà il suo primo gruppo di candidati entro il 15 dicembre: i fortunati saranno 50 per il primo gruppo, mentre i candidati successivi saranno accettati a rotazione.

«Movers and Shakas è un piccolo passo verso la ripresa economica e la diversificazione della nostra economia», ha detto alla Cnn Jason Higa, ideatore del programma. «La pandemia - spiega - ha normalizzato il lavoro a distanza per il prossimo futuro, quindi riteniamo che questa situazione rappresenti un'opportunità per i residenti di tornare a casa e per i professionisti fuori dallo stato di vivere l'esperienza delle Hawaii, non come turisti, ma come membri della nostra comunità». 

 

COME CANDIDARSI Per candidarsi gli unici requisiti sono i 18 anni di età e un lavoro a distanza. Sul sito ufficiale (qui il link) bastano cinque minuti per l'application: è necessario solo inserire nome, cognome, tipo di lavoro, email e numero di telefono, e le autorità promettono di ricontattare il candidato per un colloquio conoscitivo. Tra le richieste c'è anche quella di inserire eventuali gruppi di volontariato di cui si vuole far parte: si va dall'educazione ai programmi per i poveri, alle associazioni animaliste e non solo. Perché lo scopo non è appunto solo quello di avere dei turisti sull'isola per tre mesi, ma quello di avere nuovi membri della comunità a tutti gli effetti: pur di passare tre mesi alle Hawaii, questo e altro.

 

 

Ultimo aggiornamento: 10:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA