Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rapito dai russi a 16 anni, era rimasto vicino al nonno morente. L'appello del padre, funzionario militare dell'Ucraina: «Liberatelo»

foto
Mercoledì 8 Giugno 2022, 17:56 - Ultimo aggiornamento: 18:55

Si chiama Vlad, è ucraino e ha 16 anni: da 61 giorni è ostaggio dei russi. Era stata catturato perché non aveva voluto abbandonare il nonno morente. Ora, arriva l'appello del padre, Oleg Buryak, capo dell'amministrazione militare del distretto di Zaporizhia: «Chiedo alle organizzazioni internazionali, ai governi esteri, ai media, a chiunque abbia la possibilità di parlare alle delegazioni russe di chiedere la liberazione di mio figlio. Non un militare, non un militante, ma uno studente di appena 16 anni. Un angelo tra i tanti bambini colonne del mondo, sequestrati da Mosca e che vanno liberati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA