Ucraina, 349 miliardi per ricostruire il Paese: in macerie più di 800mila abitazioni e 500 ospedali

Quasi tre quarti dei danni della guerra si sono concentrati sul fronte orientale in particolare nelle regioni di Donetsk, Lugansk e Kharkiv

Ucraina, 349 miliardi per ricostruire i danni causati fino a oggi: in macerie più di 800mila abitazioni
3 Minuti di Lettura
Martedì 27 Settembre 2022, 16:42 - Ultimo aggiornamento: 16:55

Un rapporto della Banca mondiale, del governo ucraino e della Comissione europea ha stimato una cifra pari a 349 miliardi di dollari per la ricostruzione dell'Ucraina, circa 1,6 volte il prodotto interno lordo del Paese nel 2021. 

Putin, sabotaggi dall'interno o attacchi dagli 007 di Kiev? Le misteriosi esplosioni in Russia agitano il Cremlino

Il bilancio tragico

Stando alle ultime analisi, realizzate tramite i dati raccolti fino al primo giugno, l'invasione russa ha causato solo nei primi due mesi di conflitto una distruzione con danni diretti per oltre 97 miliardi di dollariIl rapporto della Banca mondiale corrisponde alla prima valutazione completa dell'impatto economico che la guerra ha avuto sull'Ucraina.

I dati preliminari dicono che saranno necessari subito 105 miliardi di dollari per affrontare le priorità più urgenti, come la ricostruzione di migliaia di scuole danneggiate o distrutte insieme a quella di oltre 500 ospedali. Senza contare il processo di sminamento di aree e strade che richiederà anni e, probabilmente non sarà mai completato del tutto. Questo escludendo il costo delle perdite future che verranno generate dal protrarsi del conflitto.  

Circa il 75% dei danni della guerra si sono concentrati sul fronte orientale dell'Ucraina, in particolare nelle regioni di Donetsk, Lugansk, Kharkiv e Zaporizhzhia, dove lo scontro armato non è mai cessato fra le due linee. Le regioni di Kiev e Chernihiv (a nord della Capitale), dove le truppe ucraine hanno resistito fin dall'inizio, rappresentano invece il 22% dei danni.

Pace Ucraina, Putin a Erdogan: «Vogliamo tornare a negoziare con Kiev»

Irpin: una città in ginocchio

Irpin, nell'oblast di Kiev, è stata la città che ha subito i danni più gravi nelle prime fasi della guerra, essendo l'ultimo avanposto in cui russi si sarebbero dovuti imporre, prima di poter prendere la Capitale. Si stima che quasi la metà dei 22.149 edifici della città di Irpin, sia stata danneggiata o distrutta. Quasi 9.690 di questi erano residenziali, cioè abitati da famiglie. RebuildUA, un progetto che segue l'andamento delle infrastrutture distrutte in Ucraina, tramite immagini satellitari, ha stabilito che il 23% degli edifici di Irpin non distrutti completamente, sono stati comunque danneggiati in maniera irreversibile.

Insieme alla Kyiv School of Economics, RebuildUA ha stimato che le perdite infrastrutturali a Irpin sono pari a 921,7 milioni di dollari, di cui 648 serviranno solo per la ricostruzione degli edifici residenziali. La città è stata suo malgrado il primo epicentro dei combattimenti prima che le truppe russe si ritirassero dalle regioni settentrionali dell'Ucraina per intensificare la loro offensiva a est.

Russia, la farsa dei referendum di Donetsk e Luhansk: soldati in casa con il mitra per costringere a votare

© RIPRODUZIONE RISERVATA