Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La Lituania si prepara alla guerra con la Russia: «Abbiamo bisogno della Nato»

La Lituania si prepara alla guerra con la Russia: "Abbiamo bisogno della NATO"
3 Minuti di Lettura
Martedì 19 Aprile 2022, 13:43 - Ultimo aggiornamento: 20 Aprile, 16:11

La Lituania si prepara alla guerra. "Ci restano solo pochi anni per prepararci, ecco perché abbiamo bisogno di una maggiore presenza della NATO come maggiore deterrente", ha dichiarato il deputato lituano Laurynas Kasciunas a DW. Per 45 anni, la Nazione guidata da Gitanas Nausėda e la Russia hanno fatto parte dell'Unione Sovietica. Ma dopo aver ottenuto l'indipendenza, la Lituania si è unita all'Organizzazione del Trattato dell'Atlantico del Nord nel 2004. E negli ultimi anni le tensioni con Putin sono cresciute.

Guerra Ucraina, Zelensky: «Iniziata battaglia per il Donbass»

Guerra Lituania, dove potrebbe colpire la Russia

È Suwalki Gap, che prende il nome dalla vicina città di Suwalki, la stetta striscia di terra che collega la Lituania alla Polonia dove la Russia potrebbe colpire. È schiacciata tra l'enclave di Kaliningrad, controllata dai russi, a nord-ovest, e il paese della Bielorussia a sud-est. Il problema principale è che il governo bielorusso è considerato un alleato della Russia e il varco di Suwalki è un punto nodale. Lungo solo 65 chilometri, è l'unico collegamento terrestre tra gli stati baltici e gli altri paesi della NATO. In caso di crisi, molti locali temono che la Russia possa bloccare questo varco.

Ucraina, Mosca vuole il Donbass, ma scaglia ancora missili su Leopoli. Perché il fronte Ovest interessa a Putini: avvertimenti a Nato e Ue

L'Unione dei Fucilieri lituani si riarma

Dopo che la Russia ha annesso la penisola di Crimea nel 2014, la Lituania si è riarmata. In particolare con l'Unione dei Fucilieri lituani, una sorta di aggiunta all'esercito esistente del Paese, composto da civili lituani che si addestrano regolarmente con le armi e che sono pronti a combattere se il peggio dovesse accadere. C'è però anche un elemento controverso:  alcuni membri dell'Unione dei Fucilieri sono accusati di aver collaborato con i nazisti nella seconda guerra mondiale. Nel piccolo esercito, sostenuto economicamente dal Governo lituanano, ora contano 14.000 membri. Pronti alla guerra.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA