Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Guerra, Cina e India finanziano Putin: dalla Russia sconti all'acquisto di petrolio e prezzi bassi per il gas

I loro acquisti di greggio russo stanno minando gli sforzi dell'Occidente per isolare il Cremlino

Guerra, Cina e India finanziano Putin: dalla Russia sconti all'acquisto di petrolio e prezzi bassi per il gas
5 Minuti di Lettura
Sabato 25 Giugno 2022, 17:54 - Ultimo aggiornamento: 26 Giugno, 09:56

Nessuna aperta dichiarazione di appoggio a Putin, ma Cina e India finanziano la guerra. L'acquisto di petrolio a buon mercato dalla Russia offre vantaggi economici e politici. La Cina può diversificare le sue forniture di petrolio per motivi di sicurezza nazionale, mentre l'India può guadagnare miliardi esportando prodotti raffinati come benzina e diesel. Minare però gli sforzi europei e americani per isolare il Cremlino rischia gravi ricadute diplomatiche che nessuno dei due paesi desidera. 

Putin, il Cremlino minaccia la Gran Bretagna: «Sarà la prima a essere bombardata in caso di terza guerra mondiale»

Cina e India finanziano la guerra russa comprando metà delle esportazioni

Cina e India, con la domanda dei loro enormi mercati interni e le forniture delle loro vaste raffinerie, sono anche centrali nel determinare la direzione dei prezzi del petrolio. I loro acquisti di greggio russo negli ultimi mesi hanno contribuito ad allentare la pressione. Dall'altra parte l'Occidente è rimasto fermo nel suo impegno nei confronti dell'Ucraina, ma un lungo periodo di prezzi elevati del carburante e potenziali carenze in Europa potrebbe diventare politicamente sgradevole. «Una delle conseguenze di questo conflitto è un riallineamento fondamentale del sistema energetico globale, delle relazioni commerciali e degli allineamenti geopolitici, con Cina e India più strettamente allineate con la Russia», ha affermato Jason Bordoff, direttore del Center on Global Energy Policy della Columbia University ed è stato consigliere del presidente Barack Obama.

Petrolio come valuta di guerra

Il petrolio è la valuta di guerraf. Fnanzia i proiettili e i razzi schierati sul campo di battaglia in Ucraina. L'Occidente sta cercando di tagliare il rubinetto finanziario, in parte svezzando l'Europa, il mercato più grande della Russia, dalla sua dipendenza energetica attraverso sanzioni. A quattro mesi dall'inizio della guerra, le esportazioni russe di greggio sono diminuite solo leggermente, poiché le vendite a Cina e India hanno ampiamente colmato il divario lasciato dall'Europa. India e Cina hanno acquistato circa 2,4 milioni di barili di greggio russo al giorno a maggio, metà delle esportazioni russe. Almeno alcuni vengono raffinati in diesel e altri combustibili ed esportati in tutto il mondo, compresi i paesi che si oppongono all'invasione.

Gas, da dove arriva ora il Italia? Il flusso dalla Norvegia (attraverso Passo Gries) ora supera quello dalla Russia

Lo sconto da parte della Russia

Cina e India hanno acquistato con uno sconto del 30% rispetto al prezzo di riferimento globale, un vantaggio per entrambe le economie in un mondo colpito dall'aumento dell'inflazione. Nonostante gli sconti, le entrate petrolifere russe sono in crescita, poiché i prezzi sono saliti a oltre 100 dollari al barile. Il cambiamento è appena iniziato e le quantità di petrolio coinvolte sono ancora relativamente piccole. La vera prova della volontà di Cina e India di acquistare petrolio russo arriverà quando le sanzioni avranno pieno effetto. Il divieto europeo sulle consegne di greggio russo e combustibili raffinati come il diesel sarà introdotto gradualmente nei prossimi sei mesi, un commercio che rappresenta i due terzi degli acquisti del continente dalla Russia. La Cina, il più grande importatore mondiale di petrolio, ha svolto un ruolo importante nei mercati energetici globali per decenni, dipendendo in gran parte dal Medio Oriente e dalla Russia per le forniture.

 

Il precedente della Crimea

Questo schema si è verificato durante l'acquisizione della Crimea da parte della Russia nel 2014. Quando l'Occidente ha imposto sanzioni a Mosca, il presidente russo Vladimir V. Putin è volato in Cina per concludere un accordo sul gas naturale che era in lavorazione da un decennio. La Cina ha negoziato un duro affare per il gas a buon mercato, frustrando gli sforzi occidentali per isolare Mosca ma senza approvare l'acquisizione della Crimea. Dall'invasione russa dell'Ucraina, la Cina ha camminato su una linea sottile, almeno pubblicamente. I media controllati dallo stato cinese e i funzionari del governo hanno taciuto sul petrolio russo e le compagnie petrolifere cinesi hanno seguito lo stesso copione prudente. "Le aziende non vogliono essere chiamate ad essere accusate di aiutare e favorire la macchina da guerra di Putin", ha affermato Erica Downs, ricercatrice senior della Columbia University. Potrebbero esserci anche limiti all'appetito della Cina. La Cina ha tradizionalmente cercato di garantire una moltitudine di fonti di energia. E i suoi rapporti con la Russia sono da tempo difficili, nonostante il voto dei leader cinesi di un'amicizia “senza limiti”.

Il rapido passaggio dell'India al petrolio russo

Prima della guerra in Ucraina, la Russia rappresentava circa l'1% del fabbisogno di petrolio dell'India. La Russia è ora pronta a superare l'Iraq come principale fonte di petrolio dell'India questo mese, secondo Kpler, una società di dati sulle materie prime. Le esportazioni russe verso l'India raggiungeranno 1,15 milioni di barili al giorno a giugno - rispetto ai 33.000 barili al giorno dell'anno scorso e ai circa 600.000 di marzo - mentre le consegne in Iraq scenderanno a poco più di un milione di barili al giorno, secondo i dati Kpler. Con una solida capacità di raffinazione di cinque milioni di barili di carburante al giorno, l'India potrebbe assorbire altri 350.000 barili di petrolio russo, o circa un terzo in più di quello che sta attualmente importando, secondo gli esperti di energia. L'India ha già smesso di acquistare petrolio dal Messico, tagliato gli acquisti dalla Nigeria e ritirato dall'Arabia Saudita e dagli Stati Uniti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA