In Gran Bretagna 17 morti (mai così pochi da settembre), 5.342 casi e 28 milioni di vaccinati. Germania, esteso il lockdown

Gran Bretagna, 17 morti, 5.342 casi e 28 milioni di prime dosi. In Germania prolungato il lockdown
2 Minuti di Lettura
Lunedì 22 Marzo 2021, 17:07 - Ultimo aggiornamento: 23 Marzo, 06:19

Migliora notevolmente il quadro del Covid in Gran Bretagna. Le autorità sanitarie britanniche hanno registrato 17 nuovi decessi da coronavirus, il dato più basso dal 28 settembre scorso, quando vennero registrati 13 decessi. Lo scorso lunedì, i decessi accertati erano stati 52. Secondo i dati di oggi, i nuovi casi accertati nelle ultime 24 ore sono stati 5.342, in aumento rispetto ai 4.618 nuovi casi registrati una settimana fa. Nelle ultime 24 ore sono state somministrate 367.006 prime dosi del vaccino anti covid e 52.612 seconde dosi, dopo il record (per il terzo giorno consecutivo) registrato sabato, con 844.285 dosi somministrate. In tutto, dall'inizio della campagna di vaccinazioni, sono state somministrate 27.997.976 prime dosi, mentre 2.281.384 persone sono state immunizzate anche con la seconda dose del vaccino.

Vaccini Covid: nel Lazio doppia dose di Pfizer al 30% degli over 80. Da aprile al via le prenotazioni per gli over 69

In Germania

Continua il lockdown in Germania. C'è l'accordo fra il governo tedesco e i Laender sul prolungamento del lockdown in Germania fino al 18 aprile. La cancelliera tedesca Angela Merkel e i 16 leader delle regioni hanno trovato un accordo per estendere, come largamente previsto, il lockdown fino al 18 di aprile. È quanto riferisce la Bild. La decisione è stata presa alla luce della nuova ondata di contagi che ha investito il paese dove oggi la media è salita a 107,3 contagi ogni 100.000 persone. Resteranno dunque chiusi i negozi che non vendono beni di prima necessità e gli hotel. Merkel e i leader regionali si incontreranno nuovamente il 12 di aprile per valutare una eventuale allentamento delle misure.

Vaccino, Draghi incalza i governatori: «C'è chi non utilizza le dosi»

© RIPRODUZIONE RISERVATA