CORONAVIRUS

Gran Bretagna, 007 si cambia: McCallum sarà il nuovo capo dell'MI5, il più giovane di sempre

Lunedì 30 Marzo 2020 di Alessandra Spinelli
Gran Bretagna, McCallum nuovo capo dell'MI5: è il più giovane di sempre

Come è normale e giusto che sia il suo nome non dice nulla al grande pubblico. Per gli addetti ai lavori poi l’identità di uno 007, per di più al servizio di Sua Maestà, è quantomeno un segreto da custodire anche se la sua esperienza e capacità sono note. D’altra parte Ken McCallum ha alle spalle una carriera ventennale nella famosa MI5, tanto da essere stato indicato come il prossimo capo dell’Intelligence britannica, il diciottesimo di tutta la sua storia. I suoi primi obiettivi? Più attenzione alla Cina e più collaborazione con il settore privato per sfruttare l’intelligenza artificiale nella lotta contro stati nemici e terroristi.

L'AVVICENDAMENTO
Dalla fine di aprile succederà a sir Andrew Parker, che lascia la guida degli 007 inglesi dopo sette anni, un tempo più lungo del normale vista tutta la querelle della Brexit, che ha dilatato i tempi d’uscita. Sulla sua direzione hanno pesato come macigni gli attacchi terroristici al Manchester Arena e gli attacchi a Westminster e al London Bridge del 2017: seguirono polemiche e indagini interne sull’incapacità degli 007 inglesi di prevenirli. E mentre accadeva tutto ciò Ken McCallum, che pure era giù vicedirettore operativo, si metteva in luce guidando le indagini sull’avvelenamento dell’agente russo Sergei Skripal e di sua figlia a Salisbury e diventando vicedirettore dell’agenzia.

LA BIOGRAFIA
Nato a Glasgow, 40-45 anni fa (l’età non è data sapere, si sa solo che sarà il più giovane direttore generale) è laureato in matematica nell’università cittadina, è appassionato di montagna e di escursionismo. Ha scalato tutti i gradini dell’MI5, occupandosi tra l’altro di terrorismo nordirlandese e terrorismo islamico e contribuendo ad approfondire le partnership dell’MI5 con il servizio di spionaggio estero dell’MI6 in Gran Bretagna e l’agenzia di intercettazione del GCHQ. Ha anche lavorato sui problemi della sicurezza informatica ed è stato direttore non esecutivo dell’Autorità di dismissione nucleare. Si è occupato inoltre della sicurezza antiterrorismo durante i Giochi olimpici di Londra del 2012. «È la persona giusta per portare avanti l’MI5 - ha sottolineato Sir Andrew Parker - soprattutto ora che il Paese dovrà anche occuparsi degl iimpatti della pandemia di Coronavirus». «Lo scopo dell’MI5 è estremamente motivante. Le nostre persone - con i nostri partner - si sforzano di mantenere il Paese al sicuro e vogliono sempre fare il possibile - la dichiarazione del nuovo direttore ghenerale McCallum - Avendo dedicato la mia vita lavorativa a quello sforzo di gruppo, è un enorme privilegio ora essere invitato a guidarlo». Dal canto suo il governo ha affermato che una delle massime priorità di McCallum è consentire all’agenzia di cogliere le opportunità in continua crescita fornite dalla tecnologia, incluso l’apprendimento automatico. «L’esperienza e la leadership di Ken McCallum saranno cruciali per garantire che il servizio di sicurezza rimanga agile e creativo di fronte alle minacce nuove ed emergenti alla nostra sicurezza» ha chiosato il segretario di Gabinetto Mark Sedwill.

© RIPRODUZIONE RISERVATA