Germania, stretta di Scholz: stadi a porte chiuse e stop discoteche, a Capodanno massimo 10 invitati (se vaccinati)

«Non è tempo per party di Capodanno», ha detto il cancelliere tedesco dopo il vertice con le Regioni sul Covid

Germania, stretta di Capodanno: massimo 10 persone in casa (se vaccinate), chiusi stadi, club e discoteche
3 Minuti di Lettura
Martedì 21 Dicembre 2021, 20:00 - Ultimo aggiornamento: 22 Dicembre, 06:10

La variante Omicron non arresta la sua corsa e la Germania chiude tutto. «Non è tempo per party di Capodanno», ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz, in conferenza stampa a Berlino dopo il vertice con le Regioni sul Covid, annunciando una nuova stretta. Le nuove misure prevedono stadi a porte chiuse, riunioni di massimo dieci persone (vaccinate), chiusura per club e discoteche. Il tutto a partire dal 28 dicembre.

Germania, ecco la stretta di Capodanno

Da quella data in Germania i contatti saranno ridotti a gruppi di dieci persone al massimo, ma solo se vaccinati. Nel caso di non vaccinati, la riduzione sarà più drastica, permettendo al massimo l'incontro di un nucleo abitativo e due persone di un altro. Non sono comunque considerati i minori di 14 anni. Inoltre, dal 28 dicembre gli stadi per le partite di calcio saranno a porte chiuse. «È solo una questione di settimane prima che Omicron sia dominante qui», ha spiegato Scholz.

 

Germania, oggi 23mila contagi

In Germania sono stati accertati 23.428 nuovi contagi da Coronavirus nelle ultime 24 ore. Una settimana fa i contagi erano stati 30.823. In calo l'incidenza settimanale, con 306,4 casi per 100mila abitanti contro i 316 di ieri e i 375 di una settimana fa. I decessi causati dal Covid-19 sono stati 462, contro i 473 di una settimana fa. I guariti da inizio pandemia sono stati 5.866.900.

L'agenzia Rki ha pubblicato intanto su Twitter la rivalutazione del rischio infezione aggiornato a dopo l'arrivo della variante Omicron, rischio definito «molto alto» con un possibile improvviso aumento dei casi e sovraccarico per le strutture sanitarie. Il rischio è considerato "molto alto" per le persone non vaccinate, "alto" per persone guarite e vaccinate con immunizzazione di base, "moderato" per persone vaccinate con vaccinazione di richiamo.

Necessario, secondo l'Rki, ridurre al minimo i contatti, fare tutto il possibile per ridurre le possibilità di contagio, limitarsi ai viaggi strettamente necessari, aumentare la distribuzione dei vaccini, mettere a disposizione dei cittadini test gratuiti. Le nuove restrizioni sono necessarie per l'aumento dei contagi e per la diffusione della variante Omicron del Covid-19, particolarmente contagiosa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA