Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gerasimov, il generale "teorico" inviato da Putin nel Donbass: così cambiano strategia e ruolo di Dvornikov

Una decisione che ha un significato importante nel conflitto, specialmente perché arriva a tre settimane dalla nomina del generale Dvornikov come unico comandante delle truppe russe

Gerasimov, il generale "teorico" inviato da Putin nel Donbass: così cambiano strategia e ruolo di Dvornikov
5 Minuti di Lettura
Venerdì 29 Aprile 2022, 12:10 - Ultimo aggiornamento: 30 Aprile, 09:09

Putin schiera Gerasimov. Il capo di stato maggiore delle forze armate russe (e uno dei tre insieme a Putin e Shoigu ad avere un codice nucleare), secondo diverse fonti sarebbe arrivato nelle scorse ore a Izyum per sovrintendere personalmente alle operazioni nel Donbass. Una decisione che ha un significato importante nel conflitto, specialmente perché arriva a tre settimane dalla nomina del generale Oleksandr Dvornikov come unico comandante delle truppe russe in Ucraina. Una mossa però che non ha migliorato la gestione e il coordinamento delle unità di occupazione sul terreno. Dvornikov, veterano pluridecorato a capo delle forze russe in Siria, che hanno ampiamente usato bombe a grappolo e missili termobarici e comandante del distretto militare meridionale russo confinante con il Donbass, era stato stato incaricato di creare un comando verticale unificato e migliorare l'efficienza e la coerenza delle azioni delle unità russe.

Usa-Russia, mappe segrete sui nuovi confini ucraini: Crimea e tutto il Donbass passerebbero a Mosca

Il nuovo ruolo di Gerasimov

Il generale Gerasimov è il capo di stato maggiore delle forze armate russe dal 2012, quando fu proprio Putin a sceglierlo per un ruolo così delicato. Ma perché il comandante in capo dell'esercito russo dovrebbe assumere quello che è un ruolo più operativo? Se la decisione fosse confermata, si tratterebbe di un intervento molto significativo, probabilmente diretto dallo stesso Putin, che potrebbe causare un cambiamento anche all'interno della pianificazione e della messa in atto della strategia russa. «È molto insolito che il leader militare più anziano di una nazione si "dimetta" e assuma un comando operativo. È un indicatore che Putin sta esaurendo le opzioni per la sua operazione in Ucraina», ha detto l'ex generale australiano e analista Mick Ryan.

Gli impatti strategici e operativi

Ma quali possono essere gli impatti strategici e operativi dell'operazione? Gerasimov ha guidato l'esercito russo nelle riforme degli ultimi dieci anni. Lui comanda la gestione quotidiana dell'intero esercito, comprese le forze strategiche. Non è quindi una posizione che può essere lasciata a lungo vacante. Ma se Gerasimov verrà spostato in Ucraina, chi supervisionerà le operazioni militari russe più a breve termine, come le mobilitazioni popolari? E soprattutto, i risultati dell'esercito miglioreranno? Nonostante lo status, in realtà - spiega Mick Ryan, le prestazioni dell'esercito russo che lui stesso supervisiona, sono state piuttosto scadenti. E non solo sul campo di battaglia, ma anche a livello strategico: «Distruzione di città, attacco ai civili, torture, omicidi, tutti segnali di un'etica professionale corrotta: Gerasimov è responsabile di tutto questo», dice l'analista. 

 

La prospettiva di Putin

Per Putin si tratta di una perdita di fiducia nei suoi confronti o il contrario? «Nella seconda guerra mondiale, il generale MacArthur nominò il generale dell'esercito dell'UA Robert Eichelberger al comando delle forze statunitensi a Buna - racconta Ryan -. Prima di partire, a Eichelberger è stato detto "Bob, voglio che tu prenda Buna, o non torni vivo". Gerasimov ha ricevuto una direttiva simile da Putin? Oppure lui e il ministro della Difesa Shoigu hanno designato Gerasimov come il colpevole di qualsiasi fallimento russo nella guerra?». Certo è che se la nomina di Gerasimov fosse reale, quella recente di Dvornikov sarà messa sotto una nuova luce. Perché dal punto di vista operativo Gerasimov potrebbe essere il comandante congiunto generale, con Dvornikov che assumerebbe la funzione di comandante della componente terrestre. «Forse Dvornikov non si è dimostrato il comandante congiunto competente che i russi speravano, o non ha rispettato le tempistiche strategiche per il successo», dice Ryan. 

 

Cosa cambia ora con il generale "teorico"

Gerasimov è noto come un teorico militare. Nonostante il fatto che le sue idee debbano ancora essere provate sul campo di battaglia in Ucraina, Gerasimov potrebbe portare un livello migliore di pianificazione ed esecuzione alle operazioni russe. «Per fare ciò - spiega Ryan - avrebbe bisogno di uno staff di pianificazione, di circa due veicoli di comando, un aiutante di campo e un telefono satellitare sicuro se vuole realmente esercitare un'autorità di comando sulle operazioni». La scelta di Gerasimov non è casuale, perché secondo la dottrina militare i grandi generali possono essere in due posti: in quello di maggior pericolo e in quello di maggior opportunità. Che nel caso del Donbass, coincidono. Perché un'altra sconfitta anche a Est dell'Ucraina sarebbe un colpo durissimo per Putin, anche a livello politico. Ma quella resta comunque l'unico posto in cui la Russia ha una possibilità di reale svolta operativa perché in caso di successo potrebbe dire alla popolazione russa, così come al mondo intero, che l'operazione in Ucraina è stata portata a termine. «Gerasimov, fino a poco tempo fa, era considerato uno dei migliori teorici russi dell'era moderna - spiega Ryan -. Tuttavia, le sue riforme non hanno portato al successo sul campo di battaglia. È improbabile che la sua presenza sul campo di battaglia, al comando di una forza russa tatticamente mediocre, possa cambiare le cose».

© RIPRODUZIONE RISERVATA