GEORGE FLOYD

Un altro afroamericano ucciso dalla polizia a Tacoma: il video indigna gli Usa. Anche lui implorò: «Non respiro»

Sabato 6 Giugno 2020
1
Un altro afroamericano ucciso dalla polizia a Tacoma: il video indigna gli Usa. Anche lui implorò: «Non respiro»

Al caso George Floyd, ucciso a Minneapolis da un poliziotto che l'ha soffocato a terra con un ginocchio premuto sul collo, si aggiunge quello di Manuel Ellis. È infatti spuntato l'ennesimo drammatico video (risalente al 3 marzo) che sciocca l'America: un afroamericano morto dopo essere stato fermato da alcuni agenti a Tacoma, nello stato di Washington. Anche Ellis avrebbe implorato prima di morire 'I can't breath', non posso respirare. La stessa frase pronunciata da George Floyd e divenuta uno slogan simbolo della protesta. Èquanto emerge dalle comunicazioni via radio tra gli agenti e la centrale pubblicate dal sito Broadcastify. Prima di quella frase si sentirebbe anche uno dei poliziotti dire a un collega di usare sull'uomo una tecnica di stretta con le gambe.

Casa Bianca blindata con una nuova palizzata d'acciaio. Paura per la grande manifestazione di oggi
America, anziano manifestante spintonato a terra dagli agenti: è grave
Roma, sit-in in piazza Barberini per George Floyd

A girare il video - secondo il New York Times - una donna che si trovava dietro alla macchina della polizia e che si sente urlare: «Smettetela di colpirlo, o mio Dio smettetela!».

 


Manuel Ellis aveva 33 anni. L'uomo sarebbe stato all'improvviso scaraventato a terra, quando gli agenti hanno continuato a infierire. Per la polizia è stato l'uomo ad aggredire i poliziotti.
 

 

Nel video, diffuso dal Tacoma Action Collective, si vedono gli agenti che picchiano Ellis dopo averlo schiacciato a terra e ammanettato sul ciglio di una strada.

Per il medico legale della contea, Thomas Clark, Ellis è morto per "ipossia dovuta a immobilizzazione fisica", ovvero omicidio per soffocamento. L'uomo aveva assuntouna forte quantità di matenfetamine, ma per il medico la morte stata causata dalla privazione di ossigeno". Ad Ellis, come riporta in NYT era stato messo un cappuccio per evitare che mordesse o sputasse. Secondo la polizia è stao Ellis ad attaccare briga dopo essere avvicinato all'auto della pattuglia, ma il video non conferma questa ricostruzione. Gli agenti sospesi (due bianchi, un nero e un asiatico) sono:  Timothy Rankine, 31 anni, Christopher Burbank, 34 anni; Matthew Collins, 37 anni; Masyih Ford, 28 anni.

 La sindaca di Tacoma, Victoria Woodards, che ha chiesto il licenziamento dei quattro agenti coinvolti sottolineando che il video diffuso conferma quello che i medici legali della contea hanno reso noto nei giorni scorsi, stabilendo che la morte di Ellis, avvenuta per asfissia, è stato un omicidio.

«Questa sera la famiglia ha chiesto perché ci vuole sempre un video per far convincere la gente che la vita di una persona nera è stata tolta in modo ingiusto? come donna afroamericana non ho bisogno di un video per credere», ha detto Woodards chiedendo al procuratore distrettuale di procedere velocemente nei confronti degli agenti coinvolti. «Mentre guardavo il video diventavo sempre più arrabbiata e delusa», ha aggiunto la sindaca.

Ultimo aggiornamento: 19:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA