Iran, Zarif a sorpresa al G7 vede Macron: «Difficile sul nucleare, ma proviamo»

Iil ministro degli Esteri iraniano Zarif a sorpresa al vertice G7 di Biarritz
3 Minuti di Lettura
Domenica 25 Agosto 2019, 18:00 - Ultimo aggiornamento: 26 Agosto, 00:47

Il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif è giunto a sorpresa a Biarritz, in Francia dove è in corso vertice del G7. Lo rende noto la presidenza francese che ha anche specificato che non sono previsti incontri con la delegazione degli Stati Uniti guidata dal presidente Donald Trump.

Il presidente francese Emmanuel Macron alla vigilia del vertice aveva incontrato Zarif a Parigi. Un colloquio, quello con il ministro, definito «costruttivo e produttivo» dall'agenzia iraniana Irna.

Zarif, dopo aver visto Macron a margine del G7, ha scritto su Twitter: «La strada davanti a noi è difficile, ma vale la pena provare», con riferimento al dossier sul nucleare e all'intesa da cui Trump ha fatto uscire gli Stati Uniti.


 




I colloqui avuti oggi da Zarif con il collega francese Jean Yves Le Drian e con Macron «sono stati positivi e continueranno», ha detto una fonte dell'Eliseo.

Macron ha informato Trump dell'arrivo a Biarritz di Zarif durante il pranzo a sorpresa che hanno avuto ieri prima dell'inizio dei lavori del G7. Un pranzo che il presidente americano ha definito «l'ora e mezzo migliore mai trascorsa» con il presidente francese. Lo ha riferito una fonte dell'Eliseo, precisando che gli altri leader del G7 sono stati informati da Macron durante la cena di ieri sera al faro di Biarritz.

«C'è stata una conversazione molto concreta tra i leader del G7 - ha detto ancora la fonte -. Su questa base è sembrato importante poter fare il punto con Zarif per continuare a convergere e rendere operative le condizioni alle quali noi possiamo arrivare ad una de-escalation delle tensioni ed una pausa che permetta di negoziare in modo proficuo, come stiano cercando di fare da molti mesi».

La visita di Zarif è «un evento parallelo nello stesso luogo ma non è un evento del G7» tuttavia «siamo tutti d'accordo che l'Iran non diventi una potenza nucleare» e che vada esplorato ogni tentativo per ridurre la tensione nel conflitto sul nucleare per evitare che a settembre l'Iran riprenda con il programma di arricchimento dell'uranio», è il commento della cancelliera tedesca Angela Merkel alla presenza a sorpresa del ministro iraniano, in una breve conferenza stampa a margine degli incontri ufficiali di Biarritz. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA