Remy Daillet, chi è il "guru complottista" che progettava un colpo di Stato in Francia

Remy Daillet, chi è il "guru complottista" che progettava un colpo di Stato in Francia
di Valentina Errante
3 Minuti di Lettura
Sabato 23 Ottobre 2021, 12:42

L’ipotesi è che progettassero un colpo di Stato in Francia e, anche se i numeri del piccolo esercito non sono preoccupanti, il gruppo eversivo di estrema destra aveva già eseguito i sopralluoghi per mettere in atto le azioni violente. Il piano era comunque quello di occupare i luoghi istituzionali e i media. L’inchiesta ha portato due giorni fa la polizia a notificare in carcere a Remy Daillet una nuova ordinanza cautelare: è sospettato di essere collegato alla cellula “Honneur et nation” il gruppo dell’ultradestra che avrebbe anche pianificato un attacco a una loggia massonica nell’est della Francia. Sarebbe lui, già detenuto per il rapimento di Mia, una bambina di 8 anni, la mente dell’organizzazione pronta ad attaccare centri vaccinali e antenne 5G. Al momento sono quattordici le persone appartenenti all’estrema destra coinvolte nella vicenda. E così cresce l’allarme dell’intelligence francese per la saldatura tra i gruppi ultranazionalisti ed estremisti e il movimento complottista antigovernativo che ha dichiarato guerra al sistema, ritenendo che Macron sia al «servizio del denaro e che bisogna porre fine al grande capitale». 

Francia, aiuto di 100 euro a classi medie contro caro-benzina. Il bonus a chi guadagna meno di 2mila euro al mese


L’ALLARME
«Dal 2017 - spiega uno dei responsabili dei servizi segreti francesi, in Italia per un confronto sull’allarme terrorismo - sono stati smantellati sei gruppi eversivi di estrema destra. progettavano attentati che, per fortuna, sono stati sventati in tempo. Nell’ultimo anno, elementi di queste organizzazioni si sono mescolate con i complottisti, i “no pass” e le frange più estremiste dei Gilet gialli. Sono piccole organizzazioni che si richiamano alle teorie di QAnon, ma l’emergenza riguarda tutta l’Europa. Il rischio è che si evolvano come è accaduto negli stati Uniti, dove, negli ultimi dieci anni, organizzazioni di questo tipo o singoli individui di estrema destra hanno ucciso 300 persone. Non dimentichiamo che nel Regno Unito un parlamentare è stato vittima dell'attaco di un estremista di destra e in Germania la stessa sorte è toccata a un prefetto». In Francia, lo scorso aprile, proprio Daillet è stato coinvolto nel rapimento della piccola Mia, una bambina di 8 anni affidata alla nonna. La mamma, in base a una decisione del Tribunale, non aveva più diritto di vederla da sola, così si era rivolta via social agli iscritti ai gruppi complottisti e anti-sistema che frequentava, chiedendo di aiutarla. Ed era andato in scena il sequestro. 


LA STRATEGIA
«La strategia nei confronti dei gruppi eversivi è cambiata - spiega ancora la fonte dell’intelligence - Venti anni fa, queste organizzazioni venivano tenute sotto controllo, chi gravitava intorno alle cellule, era sotto osservazione, si studiavano le mosse e le evoluzioni dei gruppi, ma oggi non può più essere così. Il rischio di azioni estemporanee e di singoli, con effetti pericolosi, è troppo alto. Non si può attendere, perché sono persone armate, capaci di realizzare azioni violente estemporanee. La preoccupazione riguarda tutti i paesi occidentali». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA