Bimba del Camerun bloccata otto giorni in aeroporto per sospetti sul passaporto

Otto giorni bloccata in un aeroporto francesce
2 Minuti di Lettura
Venerdì 19 Febbraio 2021, 12:41 - Ultimo aggiornamento: 17:35

Otto giorni bloccata in aeroporto. Dalle 7 del mattino fino alle 21 di sera. La vicenda della piccola Jordana sta facendo parlare tutta Francia. Perché la minore di 11 anni è rimasta bloccata all'aeroporto di Parigi a Orly, 14km a sud della capitale francese. Il calvario della minorenne inizia i primi di febbraio.

Il viaggio da Madrid

Arriva il 5 febbraio con un volo da Madrid. Non è sola, con lei ci sono altre tre minorenni. Hanno pochi soldi con loro, giusto 100 euro, ma ci sono altri documenti più importanti, quelli che gli hanno permesso di viaggiare: i passaporti della Guinea. Ed è proprio su questi che si riscontreranno i problemi principali. Al controllo della polizia di frontiera, gli agenti le fermano. Due di loro attendono un giorno, poi le madri le vengono a prendere. Per Jordana, invece, la situazione si complica.

Francia, inflazione confermata in aumento a gennaio

I dubbi sull'atto di nascita

La madre si presenta con un atto di nascita che non convince la polizia di frontiera. Che così fa ricorso al giudice dei minori per poter procedere con tutti gli accertamenti del caso. Jordana rimane in una stanza di un hotel vicino all'aeroporto in attesa della decisione, che arriva 11 giorni dopo. Dalle ricerche emerge che la ragazza non proviene dalla Guinea, bensì dal Camerun. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA