Guerra, flop missili ipersonici russi: «1500 non hanno colpito il bersaglio». Il report

I russi hanno «avuto problemi per quanto riguarda la precisione», ha detto il capo del Comando Nord degli Stati Uniti, il Gen. dell'Aeronautica Glen VanHerck.

Guerra, flop missili ipersonici russi: 1500 lanciati non hanno colpito il bersaglio
di Alessandro Rosi
3 Minuti di Lettura
Lunedì 23 Maggio 2022, 21:00 - Ultimo aggiornamento: 24 Maggio, 12:31

Non era come ci si aspettava. I missili ipersonici che la Russia sta utilizzando nella guerra in Ucraina sono un flop, non stanno funzionando come si prevedeva. I russi hanno «avuto problemi per quanto riguarda la precisione», ha detto il capo del Comando Nord degli Stati Uniti, il Gen. dell'Aeronautica Glen VanHerck, davanti alla sottocommissione per le forze strategiche del Senato che si è riunita mercoledì scorso.

Guerra, allarme barili-bomba: tecnici siriani a Mosca per preparare il massacro

Flop missili ipersonici russi, colpiti edifici civili

Finora in Ucraina c'è stato il più grande impiego di sistemi missilistici dalla Seconda Guerra Mondiale. Ne sono stati lanciati 1.500 di missili ad alta tecnologia da Putin dall'inizio dell'invasione del 24 febbraio. Ma non hanno colpito il bersaglio. Hanno però centrato qualcosa di diverso: ovvero gli edifici civili ucraini, secondo quanto riportato da John Plumb, assistente del segretario alla Difesa per la politica spaziale degli Stati Uniti.

Russia, come è cambiata la vita dall'inizio della guerra? Niente internet né carte di credito, e poi i negozi chiusi

Impatto «non significativo»

La scorsa settimana, il presidente dei capi congiunti, il generale dell'esercito Mark Milley, mentre testimoniava davanti alla commissione per gli stanziamenti della Camera, ha affermato che i tanto pubblicizzati missili ipersonici della Russia non hanno avuto "un impatto significativo" sulla guerra. «I russi hanno usato diversi missili ipersonici», ha detto Milley. «Ovviamente, il fattore distintivo di un missile ipersonico è la velocità con cui viaggia... ma a parte la velocità dell'arma - in termini di effetto su un determinato bersaglio - non stiamo vedendo effetti davvero significativi o rivoluzionari fino ad oggi con la consegna del piccolo numero di ipersonici che i russi hanno usato».

 

Putin e il grano ucraino, gli analisti: «Vuole la carestia in Africa e per un'ondata di profughi verso l'Occidente»

La risposta degli Stati Uniti

Per quanto riguarda le minacce ipersoniche, il senatore Angus King (I-Maine), presidente della sottocommissione, ha dichiarato durante l'audizione di volere «un senso di urgenza» da parte del Pentagono su ciò che sta facendo in questo settore. Hill ha detto: «Non stiamo partendo da zero». E poi ha aggiunto che il bilancio di quest'anno richiede fondi di investimento per il Glide Phase Interceptor per affrontare la minaccia di Cina e Russia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA