Finlandia, la rete di bunker a Helsinki che può ospitare 900.000 persone: tutti i "comfort", da bar e piscine alla pista di kart

Sotto la capitale finlandese c'è una vera e propria cittadella in cui l'intera popolazione potrebbe sopravvivere per mesi in caso di scoppio di una guerra

Finlandia, la rete di bunker a Helsinki che può ospitare 900.000 persone: tutti i "comfort", da bar e piscine alla pista di kart
3 Minuti di Lettura
Venerdì 13 Maggio 2022, 20:05 - Ultimo aggiornamento: 14 Maggio, 11:57

Tensione alle stelle sull'asse Helsinki-Mosca, dopo che il Paese nordico ha annunciato di voler entrare nella Nato e la Russia ha sospeso le forniture di energia elettrica. Il Cremlino considera l'ingresso della Finlandia nell'Alleanza una «minaccia» e si è detto pronto a ricorrere a «contromisure tecnico-militari». L'ipotesi di una escalation sembra ancora lontana, ma Helsinki sarebbe già pronta a difendere la sua intera popolazione grazie a una monumentale rete di bunker costruita sotto la Capitale.

Finlandia nella Nato, la Russia taglia la fornitura di energia elettrica a Helsinki: «Stop da domani»

Finlandia, il maxi-bunker in grado di proteggere tutta Helsinki

Il maxi-rifugio finlandese è in grado di mettere a riparo circa 900mila persone, quasi un terzo in più di tutti gli abitanti della città. La costruzione dei bunker è cominciata negli anni '60 e, da allora, nella roccia di Helsinki sono stati scavati circa 9 milioni di metri cubi. L'equivalente di 50.000 autobus a due piani, per farsi un'idea. La rete di rifugi possiede inoltre tutti i comfort necessari per permettere ai cittadini di vivere serenamente: campi sportivi, piscine, bar, migliaia di letti a castello e addirittura una pista di go-kart. Le porte d'ingresso di questi bunker sotterranei sarebbero così spesse da poter resistere persino a un'esplosione nucleare. Insomma, una vera e propria cittadella in cui i finlandesi potrebbero sopravvivere per mesi in caso di scoppio di una guerra.

Anna Lehtiranta, capo della comunicazione del dipartimento di soccorso di Helsinki, ha dichiarato al Daily Mail: «In quanto paese neutrale, abbiamo sempre sentito il bisogno di proteggerci. E lo facciamo». La funzionaria ha spiegato: «I rifugi sotterranei costruiti nella roccia della Finlandia sono figli dalla nostra esperienza nella Guerra d'Inverno e durante la Seconda guerra mondiale. Tutti abbiamo parenti che hanno sofferto quei traumi».

Le regole all'interno dei bunker finlandesi

Oltre alla rete di rifugi, anche le 25 stazioni della metropolitana di Helsinki possono essere convertite in bunker sotterranei, potenzialmente in grado di ospitare persone per settimane e settimane. Le linee guida ufficiali affermano che «tutti coloro che soggiornano in Finlandia», compresi gli ospiti di hotel, avranno un posto garantito nei bunker in caso di necessità. Le regole specificano anche che «alcool, droghe, armi, dispositivi che producono calore o qualsiasi cosa che abbia un cattivo odore non sono ammessi nei rifugi».

La Finlandia, inoltre, sarebbe protetta anche da eventuali attacchi hacker dalla Russia: «Sebbene sotto terra ci sarà un segnale telefonico - ha detto Lehtiranta - la nostra minore dipendenza dalla tecnologia nei rifugi significa che siamo completamente al sicuro contro gli attacchi informatici».

© RIPRODUZIONE RISERVATA