Fidanzato la picchia fino a fratturarle il cranio, 5 ore di intervento per rimuovere i frammenti ossei

Venerdì 12 Luglio 2019 di Alessia Strinati
Fidanzato la picchia fino a fratturarle il cranio, 5 ore di intervento per rimuovere i frammenti ossei
Il fidanzato la picchia fino a fratturarle il cranio. Megan McPartlin, 18enne di  Chorley, nel Lancashire, ha raccontato coraggiosamente la sua tragica esperienza per essere da esempio alle altre donne. La giovane è stata brutalmente picchiata dal suo fidanzato che le ha fracassato la scatola cranica fino a perforarle il cervello. Lei e Aaron Worthington, 23 anni, stavano festeggiando il capodanno in casa quando lui ha iniziato a picchiarla. La ragazza ha ammesso di non essere più riuscita nemmeno a muoversi: «Erano le 5 del mattino di Capodanno e stavamo bevendo. Mi ha colpito una volta e l'ho preso a calci. Mi ha colpito ancora e tutto è diventato nero». A dare l'allerta è stato il vicino di casa della coppia, sentendo dei rumori allarmanti.

Incinta a 17 anni picchiata e costretta a bere detersivo dal fidanzato. «Voleva farla abortire»



Trapani, Nicoletta Indelicato uccisa e data alle fiamme: confessano un uomo e una donna

La 18enne ha riportato una frattura del cranio, con emorragia cerebrale. È stata sottoposta a un intervento di 5 ore per rimuovere tutti i frammenti ossei che i medici hanno sostituto con una barra di metallo. I fatti risalgono ormai a quasi 8 mesi fa, ma ancora sente dolori alla testa ed è ancora profondamente scossa da quanto accaduto, anche se Megan ha detto di ritenersi fortunata ad essere ancora viva. Ad oggi soffre ancora delle conseguenze dell'aggressione: ha vuoti di memoria, ha difficoltà a percepire il gusto di alcuni cibi e gli stessi medici le hanno detto che non tutto potrebbe tornare a come era prima.

L'ex fidanzato è stato arrestato e condannato a 27 mesi di carcere, ma la ragazza ritiene che la pena non sia adeguata e ha paura che una volta uscito potrebbe tornare a farle del male. I due stavano insieme da quando lei aveva 16 anni, inizialmente lui non era un violento, poi ha iniziato a picchiarla, a plagiarla, fino a quando non è arrivato quasi ad ucciderla.
  Ultimo aggiornamento: 19:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in fila per la macchina mangia-plastica (che però è rotta)

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma