Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, il professor Fedor Shandor in trincea: «Continuo a insegnare anche sotto le bombe»

Fedor Shandor, insegna materie legate al turismo alla Uzhhord National University, nell'Ovest dell'Ucraina, in Transcarpazia

Ucraina, il professore in trincea: «Continuo a insegnare anche sotto le bombe»
di Mauro Evangelisti
3 Minuti di Lettura
Sabato 7 Maggio 2022, 06:59 - Ultimo aggiornamento: 11:06

«Stiamo lottando per una Nazione istruita. Se non continuassi a fare lezione, sarebbe davvero un peccato. Non si comprenderebbe perché ho deciso di combattere» dice il professor Fedor Shandor. La Dad, didattica a distanza, non è più una novità. Ma quando un professore tiene la lezione seduto in trincea, con la tuta mimetica e un mitra sulle ginocchia, allora la storia prende un altro significato, tanto da viaggiare sui social come esempio di dedizione sia all'insegnamento sia alla difesa del proprio Paese.

Russia, dai missili ai battaglioni tattici: «Perso il «25% delle forze». La strada in salita per lo Putin

Lui si chiama Fedor Shandor, insegna materie legate al turismo alla Uzhhord National University, nell'Ovest dell'Ucraina, in Transcarpazia, una regione che si trova proprio al confine con Slovacchia e Ungheria. Siamo in una zona relativamente tranquilla, non ancora toccata dai bombardamenti, ma il professor Fedor Shandor, subito dopo l'invasione dei russi cominciata il 24 febbraio, ha deciso di arruolarsi come volontario. Oggi si trova in trincea nell'area di Izyum, dunque nell'estremo opposto dell'Ucraina, ma non ha cancellato gli appuntamenti con i suoi studenti, a cui continua a garantire il programma di insegnamento grazie a uno smartphone.

Russia, esercito in difficoltà: il miglior carro armato (T-90M) distrutto pochi giorni dopo essere arrivato in Ucraina


PRIMA LINEA
Avvertenza: sui social, spesso le storie prendono traiettorie strane e non sempre affidabili, ma in questo caso la vicenda del professor Shandor è stata raccontata proprio sul sito dell'Università. E lui ha spiegato: «Sono nell'esercito ormai da 70 giorni. Sono andato all'ufficio di registrazione e arruolamento militare subito dopo l'inizio dell'invasione. Ma non ho rinunciato alle lezioni con gli studenti. Ogni lunedì e martedì ne ho programmate dalle 8 del mattino. E non me ne sono persa una sola. Preferisco sempre le lezioni mattutine: poi hai tempo per il resto del mio lavoro come militare. Ora conduco lezioni teoriche per operatori del turismo».

 

 

Tra combattimenti e lezioni da preparare, Shandor assicura di avere perfezionato un'organizzazione ben oliata. «Il servizio di combattimento o addestramento dura un giorno con quattro ore di riposo che seguono quattro di azione. Quando ho lezione cerco di ottenere i turni di notte». E il rumore degli spari non disturba? «Se le esplosioni sono lontane, non danno fastidio. Quando c'è stato un bombardamento, mi sono messo al riparo e ho continuato la lezione».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA