Eugenie e il matrimonio con il "borghese" Jack: troppe analogie con Meghan ed Harry

Venerdì 12 Ottobre 2018 di Laura Mattioli
Eugenie di York, sì principesco davanti a 850 invitati: incantano Meghan, Charlotte e Bocelli

Al castello di Windsor è andato in scena il secondo royal wedding dell’anno.  La 28enne principessa Eugenie - figlia del principe Andrea e di Sarah Ferguson, nipote della regina Elisabetta e nona in linea di successione al trono britannico - ha detto sì al "borghese" 32enne Jack Brooksbank, manager di un'azienda di liquori, nel secondo matrimonio reale dell'anno dopo quello di maggio fra Harry e Meghan Markle. La cerimonia è stata celebrata di fronte a 850 ospiti d'onore nella stessa cappella dove a maggio si sono sposati il principe Harry e Meghan Markle.

Nei giorni precedenti, durante i preparativi, il matrimonio reale sembrava aver riacceso l'entusiasmo dei britannici per la casa reale, Ma le nozze di oggi hanno rischiato di sortire l'effetto opposto. A fine giornata molti osservatori hanno sottolineato la somiglianza eccessiva tra le due cerimonie, quella di Eugenie e quella di Harry. E in effetti i due "si" sono stati sorprendentemente simili: Harry aveva 800 ospiti, Eugenia 850. Harry ha invitato mille cittadini comuni, estratti a sorte, Eugenie 1.200. Harry e Meghan hanno fatto una passeggiata in carrozza per le vie di Windsor. E così anche Eugenie e consorte. 
 

 

La cerimonia è iniziata in una mattinata ventosa, con qualche cappello a rischio di volar via, la sposa ha sfoggiato un sobrio abito bianco disegnato dagli stilisti britannici Peter Pilotto e Christopher De Vos: leggermente "off the shoulder", con una tiara di smeraldi ricevuta dalla regina e impreziosita da un grande zaffiro, ma senza velo. Molti gli scambi di sorrisi, e qualche momento di timidezza da parte dello sposo, di fronte agli 850 ospiti d'onore presenti, in primis Elisabetta II e il principe consorte Filippo. I primi ad arrivare sono stati gli oltre 1200 membri «del pubblico», che gli sposi – come Harry e Meghan – hanno voluto all’interno del parco del castello, antistante la cappella. Dopo è toccato ai circa 850 ospiti arrivati al castello in autobus dopo aver superato i (tanti) controlli di sicurezza.

I primi membri sono arrivati alle 11.30 alla St George’s Chapel, addobbata nei toni autunnali. Poi è toccato ai genitori dello sposo, Mr e Mrs George Brooksbank. Mamma Sarah Ferguson, vestita di verde, ha fatto il suo ingresso tra gli ultimi, scortata dall’altra figlia e damigella d’onore Beatrice. In mezzo, gli altri royals: Kate Middleton, William, Harry, Meghan Markle, Zara Tindall. Alle 11.35 è toccato allo sposo, accompagnato dal testimone e fratello Thomas. Ultima, ovviamente la regina, in azzurro, che ha fatto il suo ingresso alle 11.55 dal Galilee Porch accolta dal decano di Windsor. Fino alla fine la presenza del marito, il principe Filippo, è stata in forse. «Dipende da come si sentirà quella mattina», aveva fatto sapere un insider. Ma il duca di Edimburgo, 97 anni, non ha partecipato.

Ad aprire il corteo nuziale sono stati i principini: Charlotte, 3 anni, e George, 5. Dietro a loro  Theodora Williams, 4, Louis de Givenchy, 6, figlio di Zoe De Givenchy e Olivier De Givenchy, e poi le cuginette Savannah e Isla Philips, 7 e 6 anni, figlie di Autumn Phillips e Peter Phillips, figlio della principessa Anna,  Mia Tindall, 4, figlia di Mike e Zara Tindal, altra figlia della principessa Anna e Maud Windsor, 5, figlioccia di Eugenie e figlia di Lord Frederick Windsor, cugino diretto della Regina Elisabetta, e Lady Frederick Windsor). Ad accompagnare la sposa, come da tradizione, è stato il duca di York, molto emozionato. Eugenie, emozionata anche lei è arrivata puntuale con in dosso la tiara, in prestito dalla nonna regina e un bouquet di fiori bianchi.

Tra gli invitati una parata di stelle simile a quelle che ha adornato le nozze di maggio: presenti George e Amal Clooney, invitati perché Brooksbank è il rappresentante europeo del brand di tequila, Casamigos, prodotta da Clooney. A fare le congratulazioni anche due habitué delle nozze reali, David e Victoria Beckham. Ha snobbato invece l'evento Camilla, moglie di Carlo, che ha addotto un impegno in Scozia. Presente anche Robbie Williams con la moglie. Tra gli ospiti anche l'immancabile Elton John, James Blunt, Cressida Bonas, Kate Moss, Cindy Crawford, la bellissima Naomi Campbel, Cara Delevingne e la sorella Poppy, Pippa Middleton incinta con il marito.
Giallo invece sulla presenza di George e Amal Clooney, invitati perché Brooksbank è il rappresentante europeo del brand di tequila, Casamigos, prodotta da Clooney. Fino al'ultimo la coppia risultava ufficialmente presente. Ma sembra che all'ultimo momento i due abbiano dato forfait.

Una volta celebrata le cerimonia, gli sposi hanno fatto un giro in carrozza nelle strade di Windsor, quindi colazione offerta dalla regina al Castello. Poi una serata di gala al Royal Lodge a Windsor. Dopo il sì Andrea Bocelli, accompagnato dalla Royal Philharmonic Orchestra, ha intonato l'Ave Maria. È stata poi letta una preghiera ad hoc scritta all'arcivescovo di York, John Sentamu, il presule nero di più alto lignaggio nella gerarchia anglicana.
 
La principessa Eugenia e il suo futuro sposo si sono conosciuti 8 anni fa in montagna in Svizzera e hanno continuato a frequentarsi mentre Eugenia si trovava a New York per motivi di lavoro. Esperta d'arte, Eugenia è tornata a vivere nel Regno Unito, dove lavora come direttrice di una galleria.

 

Ultimo aggiornamento: 13 Ottobre, 00:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA