Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Epstein, in vendita le isole caraibiche degli stupri: sul mercato per 125 milioni di dollari

Epstein, in vendita le isole caraibiche degli stupri: sul mercato per 125 milioni di dollari
di Valentina Venturi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 25 Marzo 2022, 15:15

Le isole caraibiche "Little St James" e "Great St James", entrambe nelle Isole Vergini americane e facenti parte dell'ampio portafoglio immobiliare globale di proprietà di Jeffrey Epstein, sono state quotate 125 milioni di dollari e sono state messe in vendita. Lo ha annunciato il Wall Street Journal martedì scorso. 

Caso Epstein, principe Andrea al verde: Carlo e la Regina Elisabetta pagano l’indennizzo per gli abusi

Le isole di Epstein

L'isola più grande, la Great St James, si estende per più di 160 acri: è in gran parte intatta, con giusto un insieme di costruzioni e la riserva marina Christmas Cove. Secondo gli atti del tribunale e le informazioni riportate dal giornale, Epstein acquistò l'isola nel 2016 per quasi $ 20 milioni. L'altra, Little St James venne acquistata nel 1998 e si estende su più di 70 acri: oltre a un complesso residenziale principale e quattro ville per gli ospiti, nonostante il nome comprende anche un eliporto, un molo privato, due piscine, tre spiagge private, una palestra e una capanna.

I proventi della vendita

Secondo quanto riportato in un articolo di The Guardian, i proventi della vendita serviranno per la risoluzione delle cause in sospeso e per i costi delle operazioni immobiliari. Lo ha dichiarato l'avvocato della tenuta di Epstein Daniel Weiner al Journal; Weiner ha aggiunto come ad oggi 121 milioni di dollari della proprietà di Epstein siano stati utilizzati per il programma di risarcimento delle vittime di Epstein.

Nel corso degli anni, Epstein ha corteggiato e interagito con numerose figure ricche e potenti tra cui Donald Trump, Bill Clinton e il principe Andréj, mentre la fidanzata inglese Ghislaine Maxwell, figlia del defunto barone della stampa Robert Maxwell, aiutava Epstein nei suoi traffici sessuali.
 
Nel 2020 i funzionari delle Isole Vergini americane e il procuratore generale, hanno dichiarato che Epstein ha attirato donne e ragazze - alcune di appena 11 anni - a "Little St James", dove secondo gli atti giudiziari ha «trattato, violentato, aggredito sessualmente e tenuto prigioniere» le sue vittime. Secondo il procuratore generale Denise George, Epstein ha utilizzato un database computerizzato per rintracciare donne e ragazze sull'isola.

La morte di Epstein


Nel 2019 Epstein si è ucciso in cella in una prigione di New York dove era detenuto senza cauzione in seguito ad un arresto con l'accusa di traffico sessuale: stava affrontando un processo a Manhattan per crimini federali, avendo accettato un patteggiamento in Florida anni prima con l'accusa di reati sessuali. Lo scorso dicembre invece Maxwell è stata condannata a New York per traffico sessuale e accuse correlate all'aver procurato ragazze ad Epstein.

© RIPRODUZIONE RISERVATA