Elezioni in Israele, Netanyahu e Gantz hanno votato: affluenza in calo rispetto al 2015

Martedì 9 Aprile 2019

Israele al voto: i due sfidanti, Benyamin Netanyahu e Benny Gantz, hanno votato nei rispettivi seggi. «È un'ora fatale in cui stabiliremo il futuro dello Stato dopo il decennio migliore che abbiamo avuto», ha scritto su Facebook il premier Benyamin Netanyahu che, insieme alla moglie Sarah, ha da poco votato nella scuola 'Paula Ben-Gurion' a Gerusalemme. «Dobbiamo chiudere il divario con Lapid e Gantz. Solo un Likud grande impedirà un governo di sinistra», ha aggiunto il premier esortando i suoi elettori ad andare a votare. 

Israele al voto, ecco i 39 partiti in gara
Israele oggi al voto, è sfida tra Netanyahu e Gantz

«È una giornata di speranza, di unità del popolo. Guardo i cittadini di Israele e dico loro: il cambiamento è possibile», ha detto Benny Gantz, leader di 'Blu-Biancò e maggiore sfidante del premier Benyamin Netanyahu, dopo aver votato questa mattina nella scuola di 'Nofim' a Rosh Hayin nel centro di Israele. «Mi metto a disposizione dello Stato di Israele: assieme prenderemo una nuova strada. Faccio appello a tutti, rispettiamo la democrazia e andiamo a votare».

Alle 10 di questa mattina (le 9 in Italia) la percentuale dei votanti nelle elezioni in Israele era del 12,9%, più bassa di 0,8 punti percentuali rispetto al 2015, quando alla stessa ora fu del 13,7%. Lo ha fatto sapere il direttore del Comitato centrale elettorale Orly Adas. I seggi sono stati aperti alle 7.00 (le 6.00 in Italia).

 

Ultimo aggiornamento: 21:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma