MIGRANTI

Croazia, polizia spara per impedire l'accesso dei migranti: un ferito grave. Il governo: «Un incidente»

Lunedì 18 Novembre 2019
1
Per fermarli alla fine la polizia ha sparato: un uomo, uno dei 17 migranti che tentava di passare la frontiera tra Croazia e Slovenia,  sabato pomeriggio, attraverso il bosco di Gorski kotar, sopra la città adriatica settentrionale di Rijeka, è stato  gravemente ferito al torace con un colpo di arma da fuoco sparato da un agente croato. La via  verso l'Europa è intrapresa da molti che lasciandosi alle spalle i paesi del Medio oriente e dell’Asia centrale cercano di raggiungere le città piu ricche dell’Unione europea, attraversando una frontiera particolarmente sensibile per lo Stato croato, tutt’ora non incluso nello spazio Schengen dell’Unione. Qui i migranti che cercano di raggiungere i confinanti paesi europei si scontrano con la Polizia di frontiera.
Secondo i media di Zagabria, un gruppo di diciassette migranti, sorpresi nel transito illegale nei boschi, avrebbe rifiutato di arrendersi pacificamente ed ha aggredito la pattuglia di agenti con lancio di sassi e altri oggetti. Stando alla versione ufficiale della polizia un agente, nel momento di sparare un colpo di avvertimento in aria, sarebbe inciampato e il proiettile, ribalzando, avrebbe cambiato traiettoria colpendo uno dei migranti. I poliziotti croati hanno immediatamente prestato soccorso all'uomo ferito, trasportandolo a piedi per tre chilometri verso la più vicina ambulanza. Il migrante è stato ricoverato all'ospedale di Fiume dove è stato sottoposto a due interventi chirurgici e si trova ancora in condizioni gravissime. Le organizzazioni per la difesa dei diritti umani hanno espresso forti dubbi sulla spiegazione ufficiale dell'incidente, affermando che «l'uso di armi da fuoco contro i migranti sta diventando sempre più consueto». 
Il ministro dell'interno croato Davor Bozinovic ha commentato l’accaduto dichiarando che il gruppo stava cercando di attraversare la Slovenia, ma non ha rilasciato informazioni su quanti fossero i migranti e quale fosse la loro provenienza. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma