Croazia, manager italiano morto per intossicazione: arrestati il proprietario e lo skipper dello yacht

Mercoledì 14 Agosto 2019
Croazia, manager italiano morto per intossicazione: arrestati il proprietario e lo skipper dello yacht

Il proprietario e lo skipper dello yacht nel quale è morto il manager siciliano Eugenio Vinci per avvelenamento da monossido di carbonio, sono stati arrestati per aver installato un motore nella barca senza seguire le norme di sicurezza, causando la fuoriuscita dei gas tossici. Lo ha reso noto la polizia croata. Si tratta, secondo la polizia, di un uomo di 23 anni e uno di 27 anni, entrambi croati. In base alle indagini della direzione della polizia di Spalato-Dalmazia, il motore sarebbe stato installato l'8 agosto. Armatore e skipper non avrebbero seguito le norme di sicurezza, inserendo nel vano motore un generatore a benzina che si raffredda ad aria. Una volta avviato, il motore ha iniziato a sprigionare gas tossici che hanno raggiunto anche le cabine, avvelenando il manager e i due figli, un bimbo di cinque e una ragazzina di 14 anni. Ricoverati all'ospedale di Spalato, i figli del manager sono ancora in pericolo di vita

L'aria nelle cabine dell'imbarcazione sulla quale ieri è morto in Croazia per intossicazione il manager siciliano Eugenio Vinci è talmente contaminata che stamane due inquirenti che stanno conducendo le indagini hanno chiesto assistenza medica. «Da stamattina agenti con maschere antigas e bombole di ossigeno continuano ad entrare nelle cabine, per uscire appena pochi minuti dopo», scrive la stampa croata, riprendendo testimonianze dei passanti sulla riva della cittadina di Hvar, sull'omonima isola dalmata, dove è ormeggiata la barca sulla quale ieri si è consumata la tragedia nella quale ha perso la vita Vinci e si sono intossicati altri cinque italiani.

Muore italiano in vacanza in Croazia: intossicato dai gas di scarico dello yacht, gravi i figli e altri due familiari

Un agente e un perito, che hanno lamentato malori, sono stati trasportati per precauzione in ambulanza nel vicino centro medico e ora stanno bene. La stampa croata scrive che la fonte del gas tossico, probabilmente monossido di carbonio, sarebbe il generatore a diesel. L'imbarcazione in questione è un caicco a vela, denominato Atlantia, lungo 21 e largo 7 metri, che nelle cinque cabine può accogliere fino a dieci persone.

La barca, costruita nel 1992 in Turchia e ristrutturata nel 2015, con base nel porto di Spalato, in Dalmazia, è di proprietà della ditta Atlantia Cruisng. Il titolare dell'azienda, Zoran Bauk, non ha voluto parlare con la stampa. I quattro membri dell'equipaggio non hanno mostrato sintomi di intossicazione ma sono in stato di shock. La barca era in offerta per noleggio nel picco dalla stagione turistica a 11.900 euro a settimana.

Ultimo aggiornamento: 16 Agosto, 10:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La doppia vita dei prof? Basta andare sui social

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma