Variante indiana, nuovo record di casi. Usa: «Lasciate il Paese». Arrivi a Fiumicino, 9% positivo

Variante indiana, l'ambasciata Usa a Delhi: «Lasciate il Paese il prima possibile»
4 Minuti di Lettura

Il numero dei contagi Covid in India continua a salire in modo preoccupante. Per questo l'ambasciata americana ha diramato un avviso ai cittadini statunitensi che si trovano in quel Paese in cui informano che è opportuno lasciare l'India il prima possibile. 

Una nota sul sito dell'ambasciata degli Stati Uniti a New Delhi avverte che «l'accesso a tutti i tipi di cure mediche e' sempre piu' seriamente limitato in India a causa dell'aumento dei casi di Covid-19» sottolineando che i decessi sono aumentati notevolmente. «I cittadini statunitensi che desiderano lasciare l'India dovrebbero approfittare delle opzioni di trasporto commerciale disponibili ora», si legge ancora sul sito.

Zona arancione e zona rossa: Puglia, Sicilia, Calabria, Valle D'Aosta e Sardegna. Ecco chi potrebbe cambiare colore da domani

Campagna vaccini nel caos


La campagna di vaccinazione indiana è nel caos per la mancanza delle dosi. Numerosi stati annunciano oggi di dover posticipare la vaccinazione dei cittadini tra i 18 e i 44 anni, che avrebbe dovuto partire dal 1 maggio. Ieri in tutto il paese sono state aperte le prenotazioni online sulle due app del governo, ma i cittadini hanno denunciato moltissimi problemi tecnici. Il quotidiano Times of India scrive che almeno dodici degli stati che hanno ordinato le dosi alle due aziende farmaceutiche indiane, Serum Institute of India e Bharat Biotech, dichiarano di non avere avuto rispose certe sulle consegne. Il governo del Maharashtra fa sapere che potrà avviare la campagna solo alla fine di maggio, quello del Madhya Pradesh annuncia la sospensione di una settimana delle dosi agli over 45, per far posto ai più giovani, mentre anche il governo di Delhi informa che l'inizio sarà posticipato di qualche giorno. Questa fase della campagna, che apre l'accesso al vaccino a tutti gli indiani maggiorenni, prevede che siano i singoli stati ad approvvigionarsi e a gestire le forniture. Da metà gennaio in India sono stati vaccinati 140 milioni di persone, con la priorità a operatori sanitari, appartenenti a forze dell'ordine, e tutti coloro che lavorano a contatto col pubblico: il governo aveva promesso di vaccinare entro giugno 600 milioni di persone, ma le lentezze della produzione, e l'ondata travolgente di casi delle ultime settimane ha messo il freno alla campagna

Indiani sbarcati a Fiumicino, cordone sanitario e quarantena a Eur e Cecchignola

Nuovo record contagi

Nuovo record di contagi in India, dove nelle ultime 24 ore sono stati registrati 379,257 nuovi casi di coronavirus, con 3.645 nuovi decessi. Secondo i dati diffusi dalle autorità sanitarie, il numero totale dei contagi dall'inizio della pandemia è ora di 18,38 milioni, con 204.832 decessi.

Ieri sera 233 arrivi a Fiumicino

Dopo i tamponi antigenici, sono usciti intorno alle 22.45, alla spicciolata, i primi passeggeri del volo Air India, in larga parte indiani. Tra i primi un sacerdote di origine asiatica ed un Italiano che lavora in India: «Tutto bene, ora facciamo la quarantena», ha riferito velocemente. Ed un indiano che lavora in Sicilia nell'agricoltura: «Ho fatto il tampone in India ed ora qui, tutto negativo. Ora andiamo in hotel per la quarantena obbligatatoria». Assistiti dai militari dell'esercito, uno alla volta salgono a bordo dei pullman che li trasferiranno in un Covid hotel.

Arrivi a Fiumicino, 9% positivo

“Ieri sera alle 21.15 è atterrato all’Aeroporto di Fiumicino il volo proveniente dall’India con a bordo 213 passeggeri e 10 componenti dell’equipaggio. Alle ore 22 sono iniziate le operazioni delle Uscar che sono andate avanti fino a tarda notte. In 23 sono risultati positivi ai tamponi (percentuale positivi a bordo 9%). Sono risultati positivi anche due componenti dell’equipaggio. Siamo ora in attesa dei risultati del sequenziamento per la ricerca delle varianti da parte dell’Istituto Spallanzani. Tutte le persone risultate positive e i contatti stretti dei positivi sono stati inviati in un Covid Hotel per l’isolamento. Voglio ringraziare i nostri operatori, le Uscar guidate da Pierluigi Bartoletti e Stefano Marongiu, Adr, la Protezione civile e le Forze dell’ordine per il grande lavoro svolto”.  Lo dichiara l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

Giovedì 29 Aprile 2021, 08:54 - Ultimo aggiornamento: 11:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA