Covid, in Spagna aumento morti e terapie intensive ma incidenza in discesa

Covid, in Spagna aumento morti e terapie intensive ma incidenza in discesa
2 Minuti di Lettura
Lunedì 2 Agosto 2021, 20:39 - Ultimo aggiornamento: 4 Agosto, 11:16

Quadro Covid stabile in Spagna. L'incidenza dei contagi di Covid in Spagna si è stabilizzata e inizia a calare lentamente, mentre salgono ancora i ricoveri, soprattutto in terapia intensiva, e il numero dei morti: lo hanno reso noto le autorità sanitarie iberiche in una conferenza stampa di aggiornamento sull'evoluzione della pandemia, che a partire dall'inizio dell'estate si è manifestata con una nuova forte ondata di casi positivi. Tra venerdì e oggi l'occupazione in reparti ordinari da parte di pazienti Covid è aumentata dall'8,24% all'8,90% e nelle terapie intensive dal 18,31% al 20,02%.

E le morti notificate nell'ultima settimana — secondo i calcoli dell'agenzia di stampa Efe — sono state 207, anche questa una cifra «in aumento» benché la letalità sia «di molto inferiore» rispetto a ondate precedenti, ha affermato Maria José Sierra, una delle responsabili dell'emergenza Covid del Ministero della Sanità. D'altra parte, l'incidenza dei nuovi casi registrati negli ultimi 14 giorni è passata da 687,3 a 673,5 ogni 100.000 abitanti. Il tasso di positività è sceso dal 15,97 al 15,45%. Tuttavia, la circolazione del virus è ancora «molto alta», ha precisato Sierra. Per quanto riguarda la campagna d'immunizzazione, la percentuale di popolazione vaccinata con un ciclo completo è ora del 57,5%, mentre al 67,8% è stata somministrata almeno una dose.

© RIPRODUZIONE RISERVATA