COVID

Covid, sgomento in Portogallo per la fila delle ambulanze a Lisbona. Assunti medici stranieri

Sabato 30 Gennaio 2021
Covid, Portogallo allo stremo: ora si assumono anche medici stranieri

Il Portogallo sta rafforzando il blocco delle frontiere e ha vietato tutti i viaggi non essenziali all'estero. La battaglia contro l'epidemia di Covid sta stremando i portoghesi. Lo Stato è arrivato ad assumere anche medici stranieri da impiegare nei reparti di terapia intensiva degli ospedali. Anche le qualifiche straniere in questo momento sono ben accette: contratto a tempo di un anno. I morti continuano a raggiungere livelli record e il tasso di mortalità è il più alto dell'UE. È di 247,5 per milione di abitanti, come registra il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) dell'UE

L'immagine più impressionante è la lunga coda di ambulanze che trasportano i pazienti Covid fuori dagli ospedali portoghesi. Come anche le foto delle celle frigorifere che ospitano le salme dei pazienti che non ce l'hanno fatta. Questo lo scatto che arriva dalla Galizia, comunità autonoma spagnola che confina con il Portogallo.

 

Il presidente Marcelo Rebelo de Sousa, rieletto domenica scorsa, ha decretato che lo stato di emergenza sarà esteso per altre due settimane, fino al 14 febbraio. Le scuole avrebbero dovuto riaprire il 5 febbraio, ma questo non accadrà: tutti in didattica a distanza dall'8 febbraio. 

La diffusione così marcata del contagio del coronavirus in Portogallo potrebbe anche essere legata alla variante del Brasile, Stato con cui il Portogallo ha legami molto stretti. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 19:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA