COVID

Covid Gran Bretagna, Boris Johnson: «Massimo livello di allerta a Manchester»

Martedì 20 Ottobre 2020

Restrizioni più severe saranno imposte dal premier britannico Boris Johnson alla città di Manchester, sfidando i leader locali che si sono opposti aspramente alla mossa. Johnson ha detto che la regione della città di circa 2,8 milioni di residenti entrerà nella categoria di rischio più elevato da venerdì.

Covid, quarantena in Gran Bretagna per chi arriva dall'Italia: durerà 14 giorni

Covid, Gran Bretagna: verso nuovo lockdown nazionale. Oms: record di casi, 383.000 in 24 ore. Nel mondo un milione di morti

Il premier ha spiegato che i ministri hanno impiegato 10 giorni cercando di raggiungere un accordo con il sindaco di Greater Manchester, Andy Burnham, e che il governo ha fatto una «generosa offerta» di sostegno finanziario. «Il sindaco purtroppo non l'ha accettata e data la situazione di salute pubblica devo ora procedere con lo spostamento della Greater Manchester al livello di allerta 'molto altà », ha detto Johnson in una conferenza stampa.

Secondo le regole sulla massima allerta, attualmente applicate solo al Lancashire e alla regione della città di Liverpool, vengono vietati gli incontri nelle case e vengono chiusi pub e bar che non servono cibo. Chiusi anche palestre, centri ricreativi, negozi di scommesse, e vi sono inoltre indicazioni contro i viaggi dentro o fuori l'area. La Greater Manchester era soggetta fino ad oggi alle regole di secondo livello, il che significa, precisa Bbc News online, che i pub e i ristoranti devono chiudere alle 22.

Ultimo aggiornamento: 22:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA