COVID

Francia, variante inglese nel 25% dei casi. Paura Mosella, 300 casi di mutazioni

Giovedì 11 Febbraio 2021
Covid Francia, variante inglese nel 20-25% dei casi. Oltre 300 contagi di brasiliana e sudafricana in Mosella

La variante inglese del coronavirus rappresenta circa il 20-25% dei casi in Francia: è quanto dichiarato dal ministro francese della Salute, Olivier Véran, in conferenza stampa a Parigi. Una settimana fa, i casi legati alla variante inglese erano circa il 15%. «Speriamo di guadagnare abbastanza tempo per evitare un lockdown», ha proseguito il ministro, dicendo, tra l'altro, che «i vaccini risultano molto efficaci» contro la variante inglese. Quanto alle varianti brasiliana e sudafricana, in questo momento «circolano di meno», equivalenti al «4-5% del totale» francese, ma possono colpire nuovamente chi è già stato contaminato.

Covid, dalle varianti alle regioni gialle: ecco perché torniamo sopra 15mila nuovi casi

«Più di 300 casi di mutazioni riconducibili alle varianti sudafricana e brasiliana» sono stati individuati in Mosella (est della Francia, confine con la Germania, ndr), ha annunciato Véran, ammettendo che «al momento non abbiamo spiegazioni della diffusione di queste varianti» nella regione. Véran ha ammesso che la situazione è «preoccupante» ed ha annunciato una sua visita domani «nel dipartimento in cui l'incidenza è così più elevata della media». I casi di variante registrati in Mosella non corrispondono a «cluster» ma a casi isolati.

Ultimo aggiornamento: 20:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA