Covid, città cinese lascia tutti i semafori rossi per far rispettare l'ordine di rimanere a casa

Covid, città cinese lascia tutti i semafori rossi per far rispettare l'ordine di rimanere a casa
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Febbraio 2022, 09:14 - Ultimo aggiornamento: 10:14

Un'improvviso focolaio di Covid-19 nella provincia sud-occidentale del Guangxi in Cina durante le recenti festività del capodanno lunare ha provocato lunedì scorso un blocco improvviso di Baise, una città di 3,6 milioni di abitanti al confine con il Vietnam, dopo che sono state rilevate quasi 100 infezioni. Subito dopo, le autorità locali di cinque sottodistretti della città hanno acceso tutti i semafori rossi per rafforzare l'ordine di rimanere a casa, sebbene abbiano concesso eccezioni per i viaggi relativi alle cure mediche e alle consegne.

Mascherine, stop all'aperto da venerdì. Dal 1° aprile via l'obbligo anche al chiuso. Stadi, capienza al 75%

Il divieto di viaggio  sottolinea l'ampio potere amministrativo delle autorità cinesi e la loro volontà di usarlo per limitare la mobilità individuale come parte del cosiddetto approccio Covid Zero del Paese. Tali tattiche fondamentali vengono impiegate più spesso poiché le varianti Delta e Omicron più infettive dell'agente patogeno innescano riacutizzazioni più frequenti e persistenti in Cina. I leader stanno ora lottando per bilanciare gli sforzi per contenere le epidemie a tutti i costi, mitigando il rischio che i cordoli estremi attirino il malcontento pubblico e colpiscano gli affari. È successo in precedenza: una piccola contea della Cina orientale ha emanato un cambio di semaforo simile dopo che un caso è stato rilevato a novembre, per poi annullarlo tra le proteste sui social media.

 

Pechino ha anche preso atto del crescente malcontento derivante da tutto, dai divieti di viaggio pandemici all'insufficiente preparazione nel prendersi cura dei bisogni primari delle persone durante i periodi di quarantena. I massimi funzionari sanitari hanno parlato di una maggiore vigilanza nella lotta alla diffusione segreta di Covid, sia per reprimere le infezioni prima che mettano radici sia per ridurre al minimo le interruzioni della vita normale. L'epidemia di Baise sembra essere sfuggita ai radar delle autorità sanitarie. I casi sono aumentati a quasi 200 in meno di una settimana, con la Commissione sanitaria nazionale cinese che ha avvertito del rischio di ulteriori aumenti. Nel frattempo, l'omicron è emerso anche nel nord-est della Cina, dove un ampio confine con la Russia rende la regione suscettibile alle incursioni casuali del virus.

© RIPRODUZIONE RISERVATA